Alessandria della Rocca turismo, guida turistica del Comune - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Alessandria della Rocca turismo, guida turistica del Comune

Alessandria della Rocca turismo, guida turistica del Comune

Alessandria della Rocca è situata a 533 m. slm, sui pendii delle colline Pizzo La Menta e Culma.

Santuario Madonna della Rocca

Il santuario della Madonna della Rocca
si trova ad Alessandria della Rocca, in provincia di Agrigento.
L'attuale santuario sorge sul luogo di quello originario, secentesco costruito per volere di donna Elisabetta Barresi, ed è preceduto da un'ampia scalinata. All'interno vi sono alcune tele, opera del pittore Panepinto da Santo Stefano Quisquina, nel quale sono raffigurate le scene del ritrovamento della statua della Madonna della rocca, il suo trasporto a Palermo, il ritorno ad Alessandria nel 1873, i lavori per la costruzione del santuario e la prima messa celebrata nel nuovo santuario.

Il simulacro della Madonna della rocca è una piccola statua, alta cm. 60, in marmo che sembra risalga all'epoca bizantina e raffigura la vergine Maria avvolta da un manto fregiato e panneggiato con in braccio Gesù bambino che ha lo sguardo rivolto verso la madre. secondo la tradizione tale simulacro fu ritrovato da una cieca intorno agli anni 1620/25. probabilmente la piccola statua, fu nascosta sulla "rocca ncravaccata" per preservarla dalla furia distruttiva dei saraceni e poi lì ritrovata. L'episodio del ritrovamento non è attestato da fonti storiche ma è testimoniato dalla tradizione orale: «Una povera vedova, per il popolo Rosa Innominati, in età avanzata portò un giorno la figlia cieca Angelina a raccogliere della verdura nella zona detta "rocca ncravaccata". Arrivati sul posto, Rosa fece sedere la figlia raccomandandole di non muoversi finché non fosse tornata. Ad Angelina apparve un angelo che le disse che sarebbe venuta la vergine col suo bambino. Non appena apparve, la vergine le disse di andare in paese e di riferire ai sacerdoti e al popolo di andare e di scavare in quel luogo dove avrebbero trovato un simulacro e avrebbero eretto un santuario dove custodirlo e venerarlo. Angelina turbata pensava che i sacerdoti ed il popolo non l'avrebbero mai creduta perché era cieca ma ecco che subito riacquistò immediatamente la vista. Andò incontro alla madre e ambedue tornarono in paese e raccontarono l'accaduto. Subito fu organizzata una processione fino alla caverna indicata dalla vergine. scavarono ma per la fretta urtarono, con uno strumento di lavoro contro il simulacro, spezzando il braccio della vergine all'altezza del polso ed il braccio sinistro del bambino all'altezza del gomito». Non erano ancora iniziati i lavori per la costruzione del santuario che il barone di Resuttana, avendo saputo del ritrovamento, rivendicò il simulacro perché il ritrovamento era avvenuto nella sua proprietà. Lo portò a Palermo dove rimase fino al 1873 ed al suo posto mandò una copia. Lua venne poi restituita al Santuario in data 30 marzo 1873. Dalla terza domenica di quaresima fino al pomeriggio di pasqua e dal venerdì dell'ultima settimana di agosto fino alla prima domenica di ottobre la statua originale si trova nella chiesa madre, dove abitualmente si può vedere la copia mandata dal barone. Poco tempo dopo il suo ritrovamento la vergine fu eletta principale protettrice del paese.

Alessandria della Rocca informazioni turistiche sul patrimonio architettonico
Informazioni e accoglienza turistica a Alessandria della Rocca
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.

Comuni confinanti
Bivona, Cianciana, San Biagio Platani, Sant'Angelo Muxaro, Santo Stefano Quisquina

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Per contatti: info@clicksicilia.com
Torna ai contenuti | Torna al menu