aree demaniali attrezzate Ragusa - Sicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

aree demaniali attrezzate Ragusa

area attrezzata Canalazzo

Area attrezzata di notevole valore, a Monterosso Almo. Seguendo la strada statale 194 Vizzini-Catania, si incontrano le indicazioni per l’area attrezzata. A 4 km da Monterosso, imboccare la strada a sinistra seguendo la segnaletica. A un km inizia una strada bianca, cioè non asfaltata, all’interno del demanio boscato a pini. A sinistra ecco già le prime strutture di accoglienza. Suggeriamo però di proseguire fino in fondo, ad arrivare al vecchio mulino, intorno al quale è organizzata l’offerta dei servizi.

L’aria ed il tocco di campagna di questo antico casale conferiscono a Canalazzo una sensazione speciale. L’area boschiva è costituita da querce e conifere, anche trentennali, con ampie presenze di specie endemiche quali lecci e roverelle. Per la nostra scampagnata troveremo panche, sedili, tavoli, punti cottura. Da qui si dipartono molti sentieri, anche in bici, per gli amanti di Mtb, mountain bike.

Molte vedute panoramiche ci suggeriranno probabilmente di spostarci, non prima però di aver dato uno sguardo all’allevamento di asini presente nei pressi del vecchio casale.


area atrezzata Arcibessi

Tavoli e panche in legno, fontanelle, servizi igienici, vialetti, steccati: tutto ad Arcibessi, nei pressi di Chiaramonte Gulfi, pochi km da Ragusa, è realizzato nel tipico stile di muretti a secco in pietra chiara comisana. Il segreto del successo di gitanti, è qui però dato anche dalla presenza di un’area faunistica, con la notevole popolazione di daini, di diverse specie di uccelli, di caprette tibetane, e di un laghetto dove trovano frescura anatre germanate ed oche: un vero e proprio paradiso per i bimbi, le cui famiglie hanno eletto quest’area attrezzata luogo privilegiato per le passeggiate domenicali.

Raggiungere l’area attrezzata è semplice. Da Chiaramonte Gulfi, sulla strada provinciale nuumero 7 per Ragusa imboccare la strada per il santuario Maria Santissima delle Grazie, che immette sul complesso di Arcibessi.

Inizia così un viale che taglia il percorso montuoso, delimitato a sinistra da una staccionata. Un km e mezzo ed eccoci nell’area interessata. Ancora due km e raggiungeremo la casa forestale sede dei servizi. Raccomandiamo per tutta la durata della gita il massimo rispetto delle regole, del resto ben sottolineate dai cartelli: silenzio, quiete, ordine e pulizia.


area attrezzata Calaforno

Pini mediterranei e platani sono la nota caratteristica di quest’area particolarmente suggestiva. Le strutture realizzate in quest’area attrezzata sono tutte in legno: panche, tavoli, cestini portarifiuti, persino il piccolo parco giochi per i più giovani, che a Calaforno troveranno anche un’area faunistica con cervi e cinghiali allevati a scopo sperimentale.

Siamo sulle colline di Giarratana
, a 600 metri sul livello del mare. Ricordiamo che in questa area è vietato accendere fuochi, pertanto l’area non è dotata di punti di cottura. Ben 250 i posti a sedere.

Il complessi sviluppa intorno al vecchia casale Mulino ad acqua, acquisito dalla Forestale ed adesso ristrutturato.

Per raggiungere Calaforno:
Da Giarratana seguire le indicazioni per il ristorante due palme, percorrendo una strada sterrata che inizia al termine di Giarratana. Dopo alcuni tornati, ecco una strada sulla sinistra con il cartello Area attrezzata Calaforno. Entrando, a due km si trovano le prime panche ed i primi luoghi di sosta.

Mangiagesso
Partendo da Modica
verso Scicli dirigersi verso Piano Ceci. Superata questa località percorrendo l’arteria principale per circa 4 km, si incontrerà l’apposita cartellonistica che ci indica il complesso boscato di Mangiagesso.

Ci si immette nella stradella forestale e dopo circa un km si perverrà all’area attrezzata. La coopertura arborea forestale è segnata da pini mediterranei, cipressi ed eucalipti. Ai piedi di questa verdeggiante pianura, tavoli e panche di legno e pietra, abbeveratoi e servizi. Mangiagesso è uno dei punti di ritrovo dello scoutismo modicano, per la sua centralità. Al momento vi sono circa 50 posti a sedere realizzati. Per questo l’Azienda Foreste sta progressivamente ed ulteriormente investendo altre risorse per venire incontro alle sempre maggiori richieste.


Santa Maria Focallo
Area atipica dal punto di vista forestale, perché ubicata tra dune segnate da ginepro coccolone ed efedra, che qui spontaneamente crescono. Gli interventi forestali finalizzati alla protezione delle aree retrodunali si sono concretizzati con l’impianto di eucalipti ed acacie. Ne è nata una parte di territorio a buona copertura arborea, a ridosso della fascia costiera, in cui gli operai forestali dell’Azienda hanno speso le loro energie migliori in opere di pietra viva e legno intagliato, quali panche, cancelli, cesti, tavoli.

Come arrivare: da Pozzallo
imboccare la strada provinciale n. 67 in direzione Santa Maria Focallo - Marispica, e Pachino. Si supera l’incrocio che indica Ispica e sempre sulla stessa strada provinciale, dopo il villaggio turistico Marispica, a 5 km da Pozzallo, a sinistra una insegna molto evidente annuncia l’area attrezzata.



Torna ai contenuti | Torna al menu