Borgo di Gangi, la guida dei borghi presenti in Sicilia - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il borgo siciliano di Gangi
 Castello dei Ventimiglia ( XIII-XIV Sec.)

Gangi Sorse sul Monte Marone, nella prima metà del XIV sec per volere di Francesco I Ventimiglia, Conte di Geraci.

Appartenne alla famiglia dei Ventimiglia fino al 1625 anno in cui venne in possesso della Famiglia Graffeo e qualche anno dopo della famiglia Valguarnera, successivamente l’edificio rimase in stato di abbandono, utilizzato come carcere, finché non entrò in possesso della famiglia Milletarì la quale,ancora oggi ne mantiene la proprietà ma solo di una parte, essendo la rimanente ritornata in possesso di un ramo cadetto della famiglia Ventimiglia . .



• Palazzo Bongiorno (metà XVIII Sec .)

Costruito dalla famiglia Buongiorno, intorno al 1754-55 .Le volte delle sale sono state affrescate dal pittore romano Gaspare Fumagalli e dal suocero di questi , il palermitano Pietro Martorana.

• Palazzo Sgadari ( inizi XIX Sec.) ( Sede museale)

Sede della Pinacoteca Giambecchina, del Museo Civico, del Museo delle armi i e di quello etnoantropologico.

• Palazzo Mòcciaro (prima metà XIX sec.)

Il Palazzo Mòcciaro,appartenente a privati, è uno degli edifici più antichi ed allo stesso tempo più belli di Gangi . Conserva al proprio interno alcuni pregevoli affreschi ed in particolare un medaglione settecentesco di Gangi . Pregevole la cappella dedicata a S. Giovanni Battista

• Palazzo Comunale ( XIX Sec.)

Il Palazzo Comunale, sede del Municipio, è sorto nel 1800, si affaccia sulla Piazza del Popolo, posto lateralmente al Corso Umberto I , si erge di fronte la Torre Normanna.

In Piazza del Popolo, all’angolo tra il Palazzo Comunale e il muraglione che la delimita a monte, vi è la nota “ Fontana del Leone” donata ai gangitani nel 1931 dall’allora podestà Cav Gioacchino Mocciaro.

Chiesa di S. Paolo ( XV Sec.)

Sorta come oratorio di san Paolo, è arricchita da un maestoso portale del ‘600 in pietra gangitana (calcarenite) E’ detta anche chiesa di san Giuseppe dei Ricchi .

• Chiesa dell’Abbadia (XIII-XIV sec.)

In stile normanno , all’interno gli affreschi di G. Cristadoro ( 1796)

• Chiesa Madre (XII-XIII sec. )

All’interno , a tre navate , si trovano “Il Giudizio Universale”(1629) pregevole dipinto di Giuseppe Salerno ( Detto Lo Zoppo di Gangi) le statue lignee del Quattrocchi gli affreschi di Michelangelo Salvo e del De Caro, il battistero e l’acquasantiera in marmo di bottega gaginiana, provenienti dall’antico monastero di Gangivecchio. Nella Cripta si trova “La Fossa dei Parrini”, una particolare sepoltura di preti ed arcipreti che hanno svolto le loro funzioni religiose a Gangi, tra il 1735 ed il 1879 circa. I corpi imbalsamati con particolari tecniche di mummificazione, vestiti con abiti talari e stole pastorali, sono posti in piccole nicchie.



• Chiesa della Catena (XIII-XIV sec.)

Particolare il prospetto in pietra intagliata con portale del 1647 . All’interno statue lignee del Quattrocchi, la statua i marmo della Madonna della Catena di bottega gaginiana, gli affreschi di de caro e la tomba del pittore G. Salerno detto lo Zoppo di Gangi.

• Chiesa di San Cataldo (XII-XIII sec.)

All’interno altre statue lignee del Quattrocchi ed il dipinto dello zoppo di Gangi “ Il supplizio dei quaranta martiri”.

• Torre detta “dei Ventimiglia” (XIII)

Costruita come torre feudale dei Ventimiglia , passata nel 1530 ai Cavalieri di Malta oggi è divenuta il simbolo di Gangi .

• Chiesa del SS. Salvatore

Con caratteristico campanile con guglia moresca . All’interno un pregevole Crocifisso, opera in legno di frate Umile Pintorno da Petralia ( prima metà del XVII SECOLO), Lo Spasimo di Cristo” olio su tela di G. Vazzano e statue lignee del Quattrocchi.

• Calvario

Edificato dai Gesuiti nel 1861 , lungo un percorso in pietra ci sono edicole votive raffiguranti la via Crucis.

• Santuario dello Spirito Santo ( Esterno al borgo )

Unico in tutta l’Europa, all’interno le opere pittoriche del Fumagalli e di G. Vazzano.

Il borgo di Gangi è inoltre munito di un´area camper, un percorso turistico per non vedenti , ed un particolarissimo itinerario geo-turistico di recente istituzione ed inoltre un´area attrezzata pic-nic in contrada Pianette. 
Informazioni e accoglienza turistica a Gangi
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.
Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu