Cammarata turismo, guida turistica del Comune - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cammarata turismo, guida turistica del Comune

Guida turistica Cammarata
Cammarata si trova alle pendici del monte Cammarata (mt. 1578), a 700 m di altitudine
La chiesa più importante di Cammarata è LA CHIESA MADRE dedicata  a San Nicolò di Bari. E’ a tre navate e contiene nel suo interno numerose opere d’arte, tra cui un ciborio marmoreo di Andrea mancino datato 1490, una Pietà cinquecentesca proveniente dalla chiesa distrutta della compagnia dei Bianchi, un organo a canne del XVI° sec., pregevoli opere in legno fra le quali un pulpito monumentale, il Banco dei Giurati, gli stalli del coro, l’altare della Madonna dei Miracoli.

Altra grande ed importante chiesa è quella dedicata a SAN VITO MARTIRE,  anch’essa a tre navate ,  conserva opere artistiche di particolare rilievo. Molto interessante la tela, “ Morte Della Madonna “ di un anonimo del 600.   
 

La CHIESA DI SANTA DOMENICA, conosciuta come BATIA, con annesso   convento delle Benedettine di clausura nel 300,  adesso sede del municipio , sorge quasi al centro di Cammarata. Vi si conserva un altare di marmo intarsiato del secolo XVII, una tela raffigurante l’Adorazione dei Magi, di scuola fiamminga, e lo stupendo Ostensorio in corallo , dono seicentesco del principe Branciforti.

A Cammarata, sino alla fine dell’800, esistevano diversi ordini religiosi che avevano sede in propri conventi, fra essi pure i Domenicani. L’edificio, oggi adibito a Liceo Scientifico, con annessa chiesa  risalente al 1509, sorge dove un tempo era ubicata  l’antica chiesetta ed Ospedale di S. ANTONIO ABATE. La chiesa, popolarmente conosciuta come San Domenico, fù  distrutta nel 1913 da un incendio ma venne ricostruita negli anni 1931-1934. Al suo interno sono conservate opere d’arte, tra cui una statua di S. Vincenzo Ferreri, opera del La Bella del secolo XVIII, una statua raffigurante la Madonna Addolorata, opera di Giacomo Li Volsi del secolo XVII e un meraviglioso organo con 540 canne.

Altro ordine religioso presente nel territorio fino a qualche anno fa, era quello dei frati minori francescani. La chiesa con annesso il convento sono ubicati nel quartiere Santa Maria. La chiesa, dedicata alla MADONNA DI CACCIAPENSIERI, è stata elevata a Santuario dal Vescovo Luigi Bommarito. La struttura attuale fù ricostruita verso la metà del secolo XVIII, a seguito del pericolo di crollo della vecchia chiesa. Vi si venera la miracolosa immagine della Madonna di Cacciapensieri. Nella volta sono raffigurati alcuni episodi prodigiosi legati alla devozione della Madonna. All’interno, sono da ammirare alcune statue di Rosario e Girolamo Bagnasco, una statua in marmo della Madonna della Neve attribuita ad Antonello Gagini, mentre  nella sagrestia   è collocato il fastigio della tomba degli Abatellis.  

Nella zona bassa del paese sorge la CHIESA DELL’ANNUNZIATA. È la chiesa più caratteristica di  Cammarata. Vale la pena  di visitarla per osservare l’armonia discreta di questa costruzione cinquecentesca. La chiesa è preceduta  da un  pronao datato 1521 con  un arco a sesto acuto nella facciata principale, e con due archi laterali a tutto sesto separati da un’elegante colonna. Suggestivo l’interno ad unica navata, con la volta a botte, arricchita  da stucchi in oro zecchino. La chiesa custodisce un crocifisso, detto della Pioggia , a seguito di un  prodigio avvenuto verso la metà del Settecento, quando il simulacro del Crocifisso acquistato dalla popolazione di Burgio fu custodito provvisoriamente nel tempio perché il maltempo impediva di proseguire il viaggio. La scultura rimase a Cammarata perché ogni volta che i burgitani  tentavano di riprendere il cammino , il cielo si oscurava e ricominciava a piovere. Nella chiesa vi si conservano una grande tela raffigurante La Maddalena Penitente attribuita alla scuola di Guido Reni, un’altra tela settecentesca raffigurante L’Annunciazione della Vergine e artistiche statue lignee, come quella della Madonna annunziata e quella di S. Giacomo Apostolo.

La CHIESA DI SAN SEBASTIANO, originariamente dedicata alla Madonna dell’Itria , sorge in quello che doveva essere al centro di Cammarata. Difatti la chiesa fu realizzata sino alla fine del periodo feudale, per le assemblee del consiglio civico, che al tocco della sua campana si riuniva in essa per la deliberazione. Ad unica navata conserva le pregevoli statue di S. Sebastiano e S. Rocco, diverse tele di notevole interesse, fra esse un quadro di S.Orsola del 1598. Molto bella la cappella delle Anime del Purgatorio, arricchita da stucchi quadri e affreschi.   
Informazioni e accoglienza turistica a Cammarata
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.

Comuni confinanti
Acquaviva Platani (CL), Casteltermini, Castronovo di Sicilia (PA), Mussomeli (CL), San Giovanni Gemini, Santo Stefano Quisquina, Vallelunga Pratameno (CL), Villalba (CL)

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Per contatti: info@clicksicilia.com
Torna ai contenuti | Torna al menu