carini guida turistica, guida turistica del Comune - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il versante nord del paese di Carini è bagnato dall'omonimo golfo di Carini
Duomo di Carini
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Duomo di Carini.
La Chiesa Madre dedicata originariamente al SS. Sacramento, è oggi intitolata a Maria SS. Assunta. Venne eretta alla fine del XV sec., incamerando l'Oratorio della Compagnia del Santissimo Sacramento e la cappella di S. Sebastiano. Diviene parrocchia nel 1523. La sua imponente struttura a croce latina è divisa in tre navate da 12 colonne in pietra di “Billiemi”, conserva un numero straordinario di opere di alcuni fra i protagonisti dell’arte siciliana fra XVI e XVIII secolo, come una preziosa acquasantiera di marmo bianco finissimo con raffigurate le torri del castello, simbolo della città, di scuola gaginiana, datata 1496; un tabernacolo in marmo, anch’esso di scuola gaginiana, dove è raffigurato l’ “Ecce Homo” con i simboli della passione e due angeli oranti. Si ammirano la grande tela dell’ “Adorazione dei Pastori” datata 1575, del toscano Alessandro Allori (1535-1607) allievo del Bronzino; una lavagna dello Zoppo di Ganci (1570-1633), raffigurante il Crocifisso tra S. Francesco e S. Onofrio. Di autore ignoto è invece il prezioso crocifisso ligneo (sec. XVI) circondato da un grande reliquiario della Croce dei Santi Martiri. Ad epoche più recenti si riferiscono due grandi tele di Vito D’Anna (1718-1769), il grande maestro del ‘700 siciliano,raffiguranti, rispettivamente, l’ “Addolorata” e la “Veronica”. Dei migliori allievi di Vito D’Anna sono altre importanti opere del Duomo; fra queste, gli affreschi (1795) della navata centrale, di Giuseppe Testa (1759-1815) e la splendida tela raffigurante lo “ Sposalizio della Vergine” di Antonio Manno (1739-1810). Dello stesso è la tela dell’Assunzione, collocata sull’altare maggiore. Il campanile rifatto negli anni trenta aveva originariamente quattro pannelli in maioliche, raffiguranti: S. Vito, l’Assunta, S. Rosalia e il SS. Crocifisso, datati 1715 e firmati da Ignazio Milone, che oggi si trovano sul lato esterno nord della chiesa. Adiacente alla chiesa si trova l’Oratorio del S. Sacramento. Si tratta di un vero trionfo di stucchi attribuibili alla scuola di Giacomo Serpotta (1652-1732). All’ ingresso troviamo un vero e proprio gioiello di pittura tardo-cinquecentesca di autore ignoto, raffigurante la Madonna del Monserrato. Nell’altare dell’Oratorio domina una grande tela dell’ “Ultima Cena” attribuita a Pietro D’Asaro (1579-1647), detto il monocolo di Racalmuto. Nella volta il grande affresco del Trionfo della Fede.

Chiesa degli Agonizzanti
Eretta nel XVII secolo è un classico esempio di barocco. Un ricchissimo scenario di stucchi, con un movimento di putti di scuola serpottiana, avvolge il visitatore, mentre, su una quota più bassa, due “Teatrini” a rilievo a tutto tondo propongono quadri di agonizzanti. Lungo le due pareti laterali, il dorato degli stucchi è intervallato da affreschi raffiguranti momenti diversi della vita della Madonna, attribuiti a Filippo Tancredi (1655-1722) e in parte a Filippo Randazzo (1692-1742). Nella volta sovrasta il grande affresco dell’ “Incoronazione della Vergine”. Altri dipinti su tela di bella fattura accrescono la godibilità dell’insieme, mentre il punto di fuga è costituito da una bellissima tela raffigurante la “Madonna degli Agonizzanti”, che si ricollega bene a quella cultura fiamminga operante in Sicilia nella prima metà del XVII sec. La chiesa probabilmente venne ultimata nel 1707 come riporta una lapide resecata collocata nel transetto.

La Chiesa del Rosario, con l’annesso convento dei Padri Domenicani, costituisce un grande complesso architettonico, con al centro un atrio. Pur essendo stata spogliata nel tempo delle sue opere migliori nella chiesa rimane un prezioso bassorilievo in marmo raffigurante la Madonna con Bambino , capolavoro di scuola gaginiana e la copia su tela della “Madonna del Rosario” di Vincenzo da Pavia. Di pochi anni dopo sono, del resto

la Chiesa e il Convento del Carmine (1566-1571), di cui si ammira un bellissimo chiostro con al centro una fontana. L’interno della chiesa è corredato di affreschi e tela di pregevole fattura e di una statua lignea dorata di Sant’Anna con la Madonna del XVII sec. Numerose le tele seicentesche. L’abside è arricchita da affreschi monocromatici raffiguranti prelati. 

Il terzo monumentale complesso con grande chiostro all’interno è quello della Chiesa di San Vincenzo, collegato con il Convento delle Suore Domenicane (fine XVI sec.); oggi spogliata di molte opere d’arte. Dell’intensa operosità conventuale rimane oggi in Carini, come unica testimonianza, quella delle Suore del Collegio di Maria (XVIII sec.) 

La Chiesa di Santa Caterina, annessa al collegio, è ricca di affreschi di Giuseppe Testa, mentre fra le tele si ammira quella di Santa Caterina, opera di Antonio Manno (1733-1810). Testimonianze d’arte più antiche, si trovano, nelle altre chiese minori. All’inizio del’900 Carini contava ben 20 chiese, fra queste, la Chiesa di San Giuliano, detta oggi delle Anime Sante del Purgatorio (dedicata a S. Antonio eremita), fu matrice fino al 1450. Nonostante oggi sia in precarie condizioni, questa chiesetta ebbe un momento di rinnovato splendore nel ‘700, quando si sovrapposero all’antico numerose tele, opere di artisti operanti nel territorio, soprattutto della scuola dei Manno. 

Chiesa di San Giuseppe si ammira invece una statua lignea del Santo col Bambino del Bagnasco, mentre nella Chiesa di Sant’Antonio (XVII sec. ), successivamente dedicata a San Rocco, si apprezza un piccolo atrio dei Padri Conventuali. Alcuni ordini religiosi si avvicendarono nel passato. 

Chiesa di San Lorenzo con annesso il convento, oggi trasformato in ospedale, probabilmente la più antica del territorio (XI sec.) La struttura attuale è del 1610, quando i Padri Mercedari, trasferendosi dall’Eremo della Maddalena, vi fissarono la loro stazione. Fu Domenico Jannello ad ottenere una struttura che ampliata divenne l’attuale chiesa, per la quale Ottavio La Grua fece donazione. Nel 1660 la chiesa venne benedetta e consacrata. All’interno troviamo opere del XVIII sec. In sacrestia è custodito un bellissimo Bambinello in legno e tele del XVII sec. Il complesso Villa Belvedere oggi sede del Centro di attività francescane “Padre M. M. Kolbe” dotato fra l’altro di un grande anfiteatro all’aperto e di un auditorium, fu una stazione della via consolare Palermo-Trapani in epoca romana. In epoca normanna divenne villa reale arricchita da fontane, chioschi, boschetti e grotte artificiali. La struttura attuale risale al XVI secolo e si compone di tre plessi: Il castello(oggi deturpato da una costruzione moderna ad esso adiacente), la foresteria e la scuderia.

Sorge su una collina a 170 metri sul livello del mare, all'interno della catena dei monti Ericini, che dalla punta Lilibeo di Montagna Longa vanno fino a Capo Gallo.

I monumenti più interessanti da visitare a Carini sono il Castello di Carini, legato alla storia dell'uccisione della Baronessa di Carini, Laura Lanza, da parte del padre.

Chiesa di San Vincenzo, la Piazza del Duomo

Chiesa di San Vito

Duomo di Carini
La facciata risale al tardo settecento e presenta due campanili, uno dei quali incompiuto. All’interno vi sono tre navate divise da un doppio colonnato.
Le decorazioni interne sono settecentesche con stucchi ed affreschi neoclassici. Accanto al Duomo sorge l’Oratorio della Compagnia del Santissimo Sacramento. Questa compagnia nacque nel 1550 e poco più tardi le fu concesso di costruire un oratorio che è ancora oggi uno dei maggiori esempi di insieme di stucchi della scuola di Giacomo Serpotta.

Chiesa dei Cappuccini

Oratorio della Compagnia del Santissimo Sacramento

Chiesa degli Agonizzanti.

Informazioni e accoglienza turistica a Carini
  • Carini, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune.
  • Pro Loco o ufficio di informazione turistica, la promozione turistica, culturale, ambientale e sociale del territorio.
  • Le Guide turistiche di Palermo possono organizzare un programma su misura delle vostre esigenze compatibile con i vostri tempi.
  • Potreste anche rivolgervi ad un Accompagnatore turistico per fornirvi assistenza durante il viaggio fornendo informazioni sui luoghi di interesse turistico e sulle zone di transito.

Le strutture ricettive di Aragona
Se state pianificando una vacanza e dobbiamo scegliere dove dormire, la scelta dipende dalle vostre preferenze e necessità, per aiutarvi a decidere dove alloggiare durante la vacanza, sicuramente il fattore che influenza le scelte di quasi tutte le persone è il budget, qui potete consultare tutti i recapiti di:

Alberghi a

Bed e Breakfast a

Agriturismo a

Potete visitare anche incomingsicilia.it per tutte le tipologie di alloggio.

Le valutazioni sono attribuite dalle stelle che indicano il lusso e la qualità. Le stelle possono essere fino a cinque.
1 stella: qualità bassa, senza piscina e pulizie scarse (Cambio del letto: una o due volte al mese);
2 stelle: qualità bassa, possibilmente con la piscina (se turistico), pulizie moderate (Cambio del letto: 1 volta alla settimana);
3 stelle: qualità normale, con la piscina (se turistico), pulizie normali e possibilmente idromassaggio (Cambio del letto: 1 volta ogni 2 giorni);
4 stelle: qualità alta, con la piscina (se turistico), pulizie ottime e idromassaggio (Cambio del letto: 1 volta al giorno);
5 stelle: qualità eccellente, con la piscina, pulizie efficienti e idromassaggio, possibilmente qualche attrazione (Cambio del letto: 2 volte al giorno)
Comuni confinanti Capaci, Cinisi, Giardinello, Monreale, Montelepre, Partinico, Terrasini, Torretta
Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu