castello Milazzo - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Castello di Milazzo

Castello di Milazzo

Denominazione: Castello di Milazzo; castrum Melacii
Comune: Milazzo

Provincia: Messina
Ubicazione: "Borgo". Salita Castello
Proprietà attuale: pubblica (Comune)
Uso attuale: Complesso monumentale

Descrizione :
1) il mastio: la torre mastra, comunemente chiamata "torre saracena" , sorge al culmine del castello, ove si padroneggia anche la visuale dei versanti est ed ovest; è inserita circa a metà del lato occidentale della cinta e dovrebbe trattarsi dell'elemento più antico del complesso. Si configura come un massiccio blocco parallelepipedo la cui robustezza viene enfatizzata da Castello di Milazzo un probabile abbassamento dell'altezza originaria e dalla giustapposizione di una scarpa basamentale, modifiche dettate dall'affermazione delle armi da fuoco e presumibilmente attuate nel XVI secolo. Presenta due elevazioni realizzate in opus incertum, mentre i cantonali spiccano per la vigorosa e regolare tessitura di grossi conci squadrati in scuro materiale vulcanico, plausibilmente importato dalle vicine Eolie. Internamente si sovrappongono due ambienti, rispettivamente divisi in due campate da grandi arcate ogivali che fungono da sostegno intermedio per la tessitura dei soffitti.
2) La domus: nell'angolo sud-occidentale del recinto si trova un edificio con caratteristiche marcatamente residenziali. La sua collocazione a ridosso dell'antico mastio consentiva il collegamento con il punto di difesa estrema che, d'altra parte, era accessibile al secondo livello solo da questo fabbricato. La quota della domus si guadagna con un' ampia cordonata che, dalla corte, attraverso un portale ogivale, immette in un atrio; da qui si può risalire ai due livelli della torre e ai camminamenti di ronda o accedere alla sala principale che è scandita in tre campate da arcate-diaframma ogivali, realizzate in pietra lavica, a sostegno dell'impalcato della copertura.
Attiguo alla stessa sala, si sviluppa un altro ambiente suddiviso, a sua volta, da un'ulteriore arcata-diaframma; un grande camino, l'apertura panoramica che si apre verso la riviera di ponente ed il raffinato uso dei materiali esplicitano l'inequivocabile e prestigiosa destinazione residenziale del fabbricato

3) Le cortine murarie: la disposizione d'insieme del complesso segue la sommità triangolare della cresta rocciosa che si rastrema in modo più pronunciato verso nord.
Gli affioramenti rocciosi più eminenti sono stati perimetrati in periodo svevo da un recinto murario grosso modo rettangolare. Quattro torri quadrate difendono gli angoli di questo recinto; due si dispongono al centro dei lati corti, mentre altre due (di cui solo una superstite) si dislocavano sul lato lungo meridionale.
Tutte consentivano la difesa esterna sui tratti divergenti della cortina fortificata; le torri angolari hanno lati che misurano mediamente m. 6, mentre quelle mediane sono meno slanciate e di dimensioni più modeste.
Le murature, realizzate con pietrame informe legato con abbondante malta di calce idraulica, sono rinserrate da cantonali che si compongono di conci ben squadrati in materiale lavico.
La cinta muraria quattrocentesca si trova a poca distanza dalla prima (che racchiude) e raccorda i due versanti del dirupo roccioso; si trova ad una quota più bassa rispetto a quella delle mura duecentesche ed è caratterizzata da una scarpa che, senza soluzione di continuità, rinforza le parti basamentali delle murature terrapienate e dei bastioni semicircolari.
Tra due baluardi cilindrici si apre l'unico varco, segnato da un portale ogivale, sormontato dallo stemma aragonese e dai massicci mensoloni delle caditoie.
L'ultima cortina muraria, realizzata nel Cinquecento, si trova alla base del declivio e collega i versanti strapiombanti della sella rocciosa; un massiccio bastione rettilineo, lungo m. 123, concluso ai due lati dal "baluardo del forte" e da quello di Santa Maria, potenziato da un rivellino al centro del fronte e da uno sul dirupo, costituiva un'impressionante e severa barriera fortificata.

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu