Maniace, le manifestazioni, feste, sagre ed eventi - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Maniace, le manifestazioni, feste, sagre ed eventi

Feste e sagre Sicilia > feste Catania e provincia
Feste e sagre Maniace

Maniace 20 gennaio Festa di San Sebastiano

Festeggiamenti in onore del patrono il fercolo che, portato in spalla dai nudi, compie veloci evoluzioni prima all'interno della Matrice, poi attorno alla croce celtica in pietra lavica nel cortile del Castello e infine si lancia in una corsa per le tante borgate del paese, fermandosi in particolare davanti alle case degli ammalati. Per ricordare come il cavaliere romano diventato Santo, in vita avesse scelto la missione di portare consolazione ai derelitti 20 gennaio / 27 gennaio

La festa vera e propria comincia la vigilia del 20 gennaio, con i vespri. Il simulacro del santo viene allora accompagnato fino alla chiesa del castello da una lunga processione che parte da contrada Margherito. In chiesa, quindi, si cantano i "vespri" e si benedicono i "panuzzi" di S. Sebastiano, che vengono distribuiti poi ai fedeli. La mattina del 20, nella chiesa Santa Maria si raccolgono tutti i maniacesi . Subito dopo la messa la statua del Santo viene trasportato di corsa dall’altare al fondo e viceversa e, prima dell’uscita dal castello, fatta girare per tre volte intorno alla grande croce celtica del cortile, monumento a Nelson, "l’eroe immortale del Nilo".
Quindi, ha inizio la processione vera e propria, lunga e faticosa. Portato a spalla dai "Nudi", i devoti vestiti di bianco e scalzi, che in tempi passati compivano il tragitto col Santo in spalla tra fango, neve e sassi, San Sebastiano farà il giro di tutte le borgate, anche delle più lontane per chilometri e chilometri.
Le origini della festa di Tortorici, da cui si origina anche quella di Maniace, si fanno risalire al cosiddetto (diluviu), la disastrosa alluvione che nel 1682 devastò il paese. Secondo la tradizione, durante la tempesta la campana maggiore della chiesa di Santa Maria di Maniace precipitò con tutto il campanile, fu trascinata dalla corrente e scomparve nel fango. Qualche tempo dopo, dice ancora la tradizione, in paese arrivarono due pellegrini che a Roma, dove San Sebastiano era stato martirizzato e sepolto, avevano rubato due reliquie del martire e che quando cercarono di allontanarsi da Tortorici, al Torrente Calagni furono impediti nel cammino da una forza misteriosa.
Accorse gente e i due confessarono allora di avere addosso le reliquie del Santo mentre nel greto del Torrente si Apriva una voragine ed appariva la grande campana scomparsa. Da quel momento San Sebastiano divenne il patrono di Tortorici e fino al Torrente Calagni, in uno dei giorni della festa, si spinge ancora la processione dei “Nudi”, con il fercolo in spalla per ricordare quell’avvenimento. Una settimana prima della festa si svolge “a bura” il falò di inflorescenze di anpelodesmo sulle cui fiamme i giovani saltano spargendo brace dovunque mentre la domenica precedente ha luogo la “festa d’u dauru”, dell’alloro, con i Tortoriciani che scendono dalle loro case sui monti e fra i boschi recando lunghi rami dell’albero sacro ”a sam-Mastianuzzu” o di “darifogghiu”, l’agrifoglio guarniti di nastri.
Seguono quindi altre manifestazioni come la “fuitina della vara” che ricorda forse l’episodio dei due ladri di reliquie, la benedizione dei ”panitti” e i “vesturi” finché si arriva al giorno della festa e alle celebrazioni solenni in chiesa. Qui, davanti al fercolo attorniato da un nuvolo di bambini vestiti di bianco, è condotto un vitello promesso in voto pieno di nastri variopinti e di bende, che viene fatto inginocchiare davanti al Santo e restando da quel momento “di sua proprietà”. Quindi, verso mezzogiorno, ha inizio la grande processione della vara di San Sebastiano fino al Torrente Calagni e poi di casa in casa per la questua, fino al crepuscolo.
A sera il fercolo viene portato nella chiesa di S. Nicolò e li lasciato fino all’ottava, la domenica più vicina al 27-28 gennaio, quando sarà riportato fuori per la questua nei quartieri alti. La festa si considera quindi conclusa il Lunedì successivo all’ottava, con una messa di ringraziamento nella chiesetta di San Emerenziana, prima che il fercolo faccia ritorno alla chiesa madre.

Maniace Sagra delle Pesche e delle Pere agosto

Sagra delle Pesche e delle Pere aManiace  

Informazioni e accoglienza turistica a Maniace
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.
Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Per contatti: info@clicksicilia.com
Torna ai contenuti | Torna al menu