furnari, guida turistica del Comune - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

guida turistica Furnari

Il comune di Furnari sorge su una zona collinare dal "Monte le Croci" 247 m s.l.m., nella Val Demone, giungendo sul Mar Tirreno.

Le origini del paese, sono legate ad una leggenda. E proprio dalla leggenda che ha avuto origine lo stemma del comune, raffigurante un cane levriero in campo rosso con tre rose e la scritta "Finché venga". Questo stemma racchiude in sé un avvenimento accaduto intorno all’anno 1120, quando, un giorno, il re Ruggero II D’Altavilla si trovava a caccia in questo lembo di Sicilia.




Il Patrimonio architettonico

Il Patrimonio Architettonico :

CHIESA Madre o Matrice è stata costruita nel 1600 sulle rovine del Castello dei Principi di Furnari. Nel 1929 la CHIESA è stata ricostruita sulla struttura precedente. Le opere sono un grande crocifisso di legno di Fra Umile da Petralia ; un piccolo bassorilievo a forma di tempietto classico, in marmo, che contiene gli olii sacri, del XVI sec.; un quadro ad olio raffigurante la Madonna del Rosario; un organo in legno a canne di piombo, situato sulla cantoria; il davanzale in marmo dell'altare, raffigurante San Francesco di Paola che attraversa lo stretto di Messina; la torre campanaria con orologio pubblico sonoro con grande quadrante.

CHIESA di San'Antonio , è stata edificata nel 1700 per iniziativa dei Principi Marziani. Nella CHIESA si trovano: le statue di Sant'Antonio e dell'"Ecce Homo", quadri ed immagini di santi risalenti al XVI e XVII sec., l'altare maggiore è dedicato a Sant'Antonio, è una costruzione in marmo policromo di San Marco d'Alunzio, risalente al 1785.

CHIESA di Gesù e Maria, edificata intorno al 1600, anticamente veniva chiamata CHIESA Maria del Soccorso. In questa CHIESA, sotto la lapide di pietra si trova un sotterraneo dove venivano deposte le salme dei confrati della Congregazione di Maria SS. Addolorata. Tra le opere è da ricordare un quadro ad olio del XVI sec., raffigurante l'Abate Giuseppe Millemagi, oratore e predicatore conosciuto in Sicilia.

Monumento al Cane, costruito nel 1990 per volontà dell'Amministrazione Comunale , è situato nella Piazza Marconi, la piazza principale del paese. Il monumento, in marmo, riproduce lo stemma del Comune ed è rappresentato precisamente da un levriero d'argento in campo rosso e dentro una fascia con il motto "Finché venga". Sotto in campo nero due sbarre congiunte in alto con tre rose.

Un cane d’argento aver vuole Olivero,

che giaccia e che la bassa abbia sul dorso

con motto che dica

FIN CHE VEGNA.

. Si narra che verso la fine del XIV secolo il levriero di Ruggero D'Altavilla, venisse ferito mortalmente da una freccia, durante una battuta di caccia. Non potendolo portare con se in quelle condizioni l'animale, il RE lo affidò ad un contadino della zona,di nome Antonio Furnari , perchè ne avesse cura fino al suo ritorno. Il contadino pur non avendo consapevolezza di chi gli aveva dato quest'ordine ,curò con della " niputedda "e " olio d'oliva" la ferita del l'animale fino a completa guarigione e lo nutrì, togliendosi il pane dal suo desco. A nulla valsero i consigli dei conoscenti e degli amici perchè vendesse la bestia; egli attendeva fiducioso il ritorno di quel signore,d'altronde aveva promesso che si sarebbe presa cura di quel cane fino al suo ritorno . I giorni ed i mesi trascorrevano ma nessuno chiedeva di quel cane. Quando un giorno uno squadrone di cavalieri ,riccamente vestiti, allo squillar di trombe, si presentò alla casa del pover' uomo. A capo vi era il RE RUGGERO II D'ALTAVILLA, il quale alla vista del suo fedele cane perfettamente guarito ,guardò il contadino che impaurito dall'aspetto di quel signore balbettò queste parole: " Ti ho aspettato signore eccoti il tuo cane". Per premiare la fedeltà di quell'uomo , il RE scese da cavallo , prese la spada e poggiategliela sulla spalla lo nominò barone di tutte quelle terre. Dove era la casupola di Furnari sorse un castello con attorno tante case; quel villaggio con i terreni attorno presero il nome di " FURNARI." Questa è la leggenda della nascita del paese.

Furnari informazioni turistiche sul patrimonio architettonico
Informazioni e accoglienza turistica a Furnari
  • Furnari, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune.
  • Pro Loco o ufficio di informazione turistica, la promozione turistica, culturale, ambientale e sociale del territorio.
  • Le Guide turistiche di Messina possono organizzare un programma su misura delle vostre esigenze compatibile con i vostri tempi.
  • Potreste anche rivolgervi ad un Accompagnatore turistico per fornirvi assistenza durante il viaggio fornendo informazioni sui luoghi di interesse turistico e sulle zone di transito.

Comuni confinanti
Falcone, Mazzarrà Sant'Andrea, Terme Vigliatore, Tripi

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu