Giarratana turismo, guida turistica del Comune - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giarratana turismo, guida turistica del Comune

Guida turistica Giarratana

Il comune di Giarratana è posto sulle pendici del Monte Lauro, è attraversato da diversi corsi d'acqua, tutti confluenti nel fiume Irminio, che lambisce il centro abitato.

La chiesa di San Bartolomeo
La chiesa esisteva già nel 1308, citata tra quelle che pagavano la decima alla Santa Sede. Fu ricostruita nuovamente a metà del XVII secolo e venne consacrata nel 1665 dal vescovo di Siracusa, monsignor Giovanni Capobianco.
Il sisma dell'11 gennaio 1693 la rase al suolo, risparminadone tuttavia l'altare barocco. La nuova chiesa, fu ricostruita nella parte meridionale del nuovo centro abitato e fu consacrata dal vescovo di Noto, monsignor Benedetto La Vecchia, il 29 settembre 1872.
L'attuale chiesa ha un'imponente facciata in stile tardo barocco suddivisa in tre ordini architettonici, il superiore dei quali è costituito dalla cella campanaria. Sul cornicione è incisa la dedicazione dell'edificio al patrono san Bartolomeo. Davanti alla facciata si trova un'ampia e ripida scalinata, che contribuisce a dare slancio all'intero edificio, impreziosita da colonne portanti con capitelli corinzi.
L'interno è a tre navate, separate da colonne doriche La chiesa, custodisce il corpo della martire Ilaria, dono del pontefice Alessandro VII ai principi Settimo Calvello, signori di Giarratana.
Interno della chiesa di San Bartolomeo.
L'altare risparmiato dal sisma del 1693, probabilmente si tratta dell'altare maggiore, viene custodito unitamente ad un'antica statua cinquecentesca di San Bartolomeo Ap. in chiesa madre. Il detto altare presenta colonne tortili e timpano spezzato, in cui è inserito il simbolo del santo titolare, e ospita la cinquecentesca statua dell'apostolo, raffigurato in piedi, nell'atto di evangelizzare le genti, con in mano il sacro libro, la palma dei martiri e il coltello, simbolo del suo martirio. La statua e l'altare sono oggetto di venerazione nella data dell'11 gennaio, giorno in cui viene ricordato il sisma del 1693.
Sull'altare maggiore, all'interno dell'imponente cappella realizzata nel 1935, è custodita una statua del patrono san Bartolomeo seduto in trono, insieme al baldacchino della seconda metà del Settecento. Dietro la cappella, e in parte coperto da questa, si trova il dipinto con la Gloria di San Bartolomeo.
La volta della navata centrale conserva affreschi realizzati dal sacerdote Gaetano Distefano, incorniciati da stucchi del Gianforma, allievo del Serpotta.
La cappella del Santissimo Sacramento, o di Cristo alla colonna, cappella gentilizia dei Mineo, si presenta ornata di stucchi e conserva un altare marmoreo,probabilmente proveniente dalla distrutta chiesa barocca.
L'ultima cappella della navata destra conserva una statua neoclassica della Madonna del Carmelo.

Giarratana informazioni turistiche sul patrimonio architettonico
Informazioni e accoglienza turistica a Giarratana
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.
Comuni confinanti

Comuni confinanti
Buccheri (SR), Buscemi (SR), Licodia Eubea (CT), Modica, Monterosso Almo, Ragusa, Vizzini (CT)

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Per contatti: info@clicksicilia.com
Torna ai contenuti | Torna al menu