il medioevo - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Varie
Il Medioevo

Erroneamente considerato un periodo buio , della nostra storia, il Medio Evo, al contrario, fu e l’epoca in cui mise le radici il Rinascimento, epoca in cui iniziarono a germogliare nuove leggi è l'  epoca in cui, di più, in Sicilia vennero azzerate le differenze razziali.  
Soprattutto tra il IX e il X secolo, infatti, grazie  all’influenza culturale degli Arabi, qui in Sicilia  viveva un crogiolo di religioni ,che non si fusero , ma c’era molta tolleranza tra ebrei, arabi e cristiani, che si manifestava nell' arte, nella cultura, di civiltà.
Anni splendidi da un punto di vista culturale, tormentati da un punto di vista politico. Rivolte, conquiste e sconfitte movimentarono non poco la vita attorno ai castelli che, soprattutto con i Normanni, sorsero nell’Isola un po’ ovunque. E con i castelli, di conseguenza, giunsero le corti e attorno alle semplici case dei contadini, dei pastori e degli artigiani,  ecco sorgere i palazzi dei nobili e dei signori.
Anche qui, la vita di corte rappresentò un gran balzo in avanti per le scienze, le arti e la cultura, ma anche un asfissiante periodo di stasi da un punto di vista economico: l’arrivo del feudo distrusse l’architettura economico-contadina importata dagli Arabi che aveva reso la Sicilia fulcro del mondo conosciuto.
Un’epoca, quindi, di grandi fermenti, di scintille di lame affilate e di gioielli, di urla in battaglia e nelle giostre nei giorni di festa, accadimenti e ricorrenze che, proprio per questa loro duplice e controversa natura, hanno fatto della Sicilia e dei siciliani ciò che oggi sono: un’Isola e un popolo generosi anche se non del tutto privi di diffidenza, un’isola e un popolo che conoscono l’eleganza e la raffinatezza dei piccoli gesti così come conoscono l’orgoglio di essere figli di questa terra, nel bene e nel male.
E se la  Sicilia ha subìto ciò che la storia racconta, a stante possa sembrare conseguenza di immobili vittimismo quando non di vigliaccheria, probabilmente la verità sta nascosta in una zona, sottile, più in ombra, più grigia: la guerra, e noi lo sappiamo bene con tutte le dominazioni che abbiamo subito, non porta con sé alcun frutto, la tolleranza, la sopportazione, l’accettazione se non altro consente la speranza.
Appuntamenti eroici che non hanno certo messo in ombra quelli con la fede e con la parte più intima della storia del luogo, quella che ha narrato nelle strade di Castelbuono l’origine del culto per Sant’Anna con la bella rappresentazione storica offerta dai tanti attori, figuranti e, ancora una volta, dal plotone d’onore dell’Ordine dei Cavalieri della Stella. Un Ordine che merita a questo punto una piccola digressione tanto per conoscerlo un po’ più da vicino. La congregazione fu fondata nel XV secolo in quel di Messina per difendere la città dai pirati ma ben presto si trasformò in un ordine cavalleresco vero e proprio, tanto Giuseppe La Farina riporta che “quando alcuno de’ cavalieri o per morte o per cancellazione venia a mancare, chi appartenea a nobile parentado, ed, avendo venti anni, tenea cavalli ed armi, ed atto si trova va agli esercizi di buona cavalleria, potea a voti essere ammesso a far parte della congrega, pagando in pria la somma di onze trenta, con le quali si acquistava una rendita in nome della corporazione”.
Ben regolamentata era anche la vita di questi nobili cavalieri siciliani (“si eserciteranno i nostri cavalieri sul cavalcare, giostrare, torneare così a piè come a cavallo, e in giocare bene d’ogni sorta d’armi”), tanto per la vita pubblica che per quella privata (“quando alcun cavaliero de’ nostri prendesse moglie e volesse celebrare nozze pubbliche, essendo richiesto il principe dee intervenire e vi andrà in forma di congregazione, con quel numero di cavalieri, che a lui parerà per favorire lo cavaliere sposo. Così anco nella infermità o carcere de’ cavalieri sia pensiero suo di mandarlo a visitare”). Un ordine di splendenti cavalieri in armatura che resterà attivo sino alla fine del XVII secolo quando, per ordine del vicerè spagnolo, sarà costretto a sciogliersi per sempre…
Imperdibile la Chiesa Madre, quattrocentesca, e il suo inestimabile Tesoro d’Arte Sacra, tra cui vi segnaliamo una carta tardo-duecentesca miniata come era uso nell’età tardo-federiciana, e l’ostensorio d’argento dorato, sbalzato, cesellato e inciso, opera dell’orafo toscano Pino di San Martino da Pisa del XIV secolo.


Torna ai contenuti | Torna al menu