Il giro di sicilia targa florio, gara automobilistica - Itinerari in Sicilia

Vai ai contenuti

Il giro di sicilia targa florio, gara automobilistica

Itinerari turistici > Itinerario la Sicilia dei Florio
Giro di Sicilia della Targa Florio

Giro di Sicilia della Targa Florio

Un itinerario della gara automobilistica la targa florio attraverso i paesi delle madonie, gara che è stata voluta, creata, finanziata ed organizzata da Vincenzo Florio.
Vincenzo Florio nel 1904 partecipa al Circuito di Brescia lì nasce l’idea per la Targa Florio.
L’organizzatore Arturo Mercanti propone a Florio di istituire una coppa in Sicilia sul tipo della Francese Gordon Bennet o l’americana Vanderbilt. Henri Desgrange proprietario del l’AUTO periodico francese rafforza l’idea.

La 1° Targa Florio si svolge nel maggio 1906 (vince Cagno su Itala) Quartiere generale Termini Imerese. hotel delle Terme gestito dall’hotel Villa Igiea. Le navi Florio offrivano il trasporto gratuito e le FS il 75% di sconto.

Era il 1912 con il Giro di Sicilia tappa unica 1000 km.

Le strade dell'intera isola sono state teatro della Targa Florio - abbinata (o coincidente) appunto al Giro di Sicilia - negli anni dal 1912 al 1914 e dal 1948 al 1950, per un totale di 6 edizioni, tutte con itinerari superiore al migliaio di chilometri (esattamente 1.050 negli anni dal 1912 al 1914 e 1.080 negli anni dal 1948 al 1950).Più in dettaglio, nel triennio 1912-1914 il percorso si snodava da Palermo e, procedendo in senso orario, toccava Cefalù, Messina, Catania, Siracusa, Noto, Vittoria, Girgenti(l'odierna Agrigento), Castelvetrano, Mazara, Marsala, Trapani e tornava a Palermo, mentre nel triennio 1948-1950 l'itinerario (in senso antiorario) era : Palermo, Trapani, Marsala, Castelvetrano, Sciacca, Agrigento, Caltanisetta, Enna, Gela, Ragusa, Noto, Siracusa, Catania, Messina, Cefalù e finalmente traguardo d'arrivo a Palermo.
Da precisare ancora che, in due occasioni, il Giro di Sicilia venne frazionato in due tappe: questo accade nel 1913 (prima tappa: Palermo-Girgenti; seconda tappa: Girgenti-Palermo) e nel 1914 (Palermo-Siracusa e Siracusa-Palermo)



Cosa fare e vedere nel Comune e nei dintorni
Cosa fare e vedere nel Comune o nel Paese e nei dintorni, la Sicilia con la sue molteplici sfaccetature, che vanno dai parchi naturali ad una salita sull'Etna, alle città d'arte, il barocco siciliano, la tradizione enogastronomica, i siti del patrimonio culturale dell'Unesco, i tipici musei le pinacoteche, le cantine vinicole, i trenta e più porti turistici, passando per le isole minori.
La regione offre svariate ed infinite possibilità di una vacanza indimenticabile, scegliete l'alloggio che soddisfi vostre aspettative e godetei la visita.
Alcuni di questi luoghi sono situati in località meno turistiche ed affollate, ma non per questo meno affascianti, maggiori info turistiche su pro loco.
Per una migliore visita puoi rivolgerti alle tante guide turistiche o ciceroni che per professione accompagna gruppi e comitive nelle visite di opere d'arte, musei, gallerie, scavi archeologici e paesaggi rilevanti dai punti di vista storico, artistico e naturale.

Torna ai contenuti