I labirinti in Sicilia scopriamo dove - Itinerari in Sicilia

Scegli tra gli itinerari in Sicilia, sará facile trovare un itinerario tra i molti proposti, si verrà accompagnati verso luoghi e percorsi culturali ed enogastronomici.
Vai ai contenuti

I labirinti in Sicilia scopriamo dove

NEL LABIRINTO NON CI SI PERDE
NEL LABIRINTO CI SI TROVA
NON SI INCONTRA IL MINOTAURO
NEL LABIRINTO SI INCONTRA SE STESSI.
(H. KERN)

Il più antico labirinto
Il più antico labirinto si trova nella Grotta di Polifemo e, in questo caso, l’opera è rappresentata più che fruibile. Nel 1986, infatti, Giovanni Vultaggio, presidente dell'Archeoclub di Trapani, ha scoperto un pittogramma sul soffitto nell’area del litorale di Erice. Il labirinto è realizzato in una forma classica e potrebbe essere datato intorno al 3000 a.C.
Il pittogramma del labirinto è realizzato in ocra rossa ed è costituito da sei volute concentriche e grossomodo ellittiche, per un diametro massimo di 30 centimetri.
Labirinto di Donnafugata
Labirinto di Donnafugata a Ragusa, in un luogo che non ha certo bisogno di presentazioni. Esempio di labirinto in pietra, è formato da pareti in muratura, con pietra locale e malta. La forma trapezioidale riprende quella inglese di Hampton Court, vicino Londra. Il Barone l’aveva, probabilmente, visto in uno dei suoi viaggi. Un tempo i muri del tracciato erano ricoperti da siepi di rose rampicanti, che impedivano di sbirciare o scavalcare le corsie.
Labirinto di Arianna
Labirinto di Arianna. È opera dello scultore Italo Lanfredini e fa parte della Fiumara d’Arte, e ricade nel territorio di Castel di Lucio, in provincia di Messina. L’opera è stata realizzata tra il 1988 e il 1989, dopo che, nel 1987, l’ideatore aveva vinto il Concorso Internazionale di Scultura indetto dall’ideatore della Fiumara d’Arte, Antonio Presti. Il Labirinto di Arianna è fatto in calcestruzzo e questo gli conferisce un colore simile alla terracotta.
Labirinto di Monte Pellegrino
Labirinto di Monte Pellegrino. È composto da 2260 pietre, è stato ideato da Stefano Baldi e realizzato con la collaborazione di Marina Modica. Riproduce la tipologia più antica di labirinto, cioè l’Unicursale Cretese, in questo caso a 11 spire o lame. Questa suggestiva opera si trova in un’area del Monte nota come “La piana di Mezzo”. È stata scelta una radura di forma circolare, del diametro di 19 metri, che è circondata da pini ed eucalipti.
Labirinto di Gibellina
Labirinto di Gibellina. Nel 1983 l’artista Alberto Burri ha visitato la città, immaginando un monumento gigantesco, creato dalle macerie: il Cretto di Burri. È un memoriale dedicato a coloro che erano morti nel terremoto del Belice, ma anche un legame artistico tra le città vecchie e nuove. Si tratta di lastre di cemento, su 29 acri, che ha coperto l’intera area del centro storico. Ha inghiottito tutto, ma il layout della città originale è stato conservato, lasciando le strade come percorsi lungo il calcestruzzo.

Scopri la Sicilia, le località, le migliori cose da fare e vedere

La Sicilia non la si può descrivere in poche parole, l’isola racchiude l’eredità delle culture che si sono susseguite, ognuna ha lasciato testimonianze, architetture, castelli e città barocche, luoghi da favola, per visitarla ed apprezzarne i luoghi più importanti, scegliete uno, cultura, natura, storia, mare.
Torna ai contenuti