Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie - Itinerari in Sicilia

Vai ai contenuti

Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie

Itinerari turistici
Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie
Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie

Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie


La strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie (SS 120) è una strada statale italiana che si trova in Sicilia e muove dalla strada statale 113 Settentrionale Sicula (sette chilometri a nord di Cerda) per giungere a Fiumefreddo di Sicilia: è una delle principali strade della regione e serve un'amplissima area dell'entroterra siciliano, compresa nelle province di Palermo, Enna, Messina e Catania.

È conosciuta anche come strada dei Quattro parchi visto che attraversa, o comunque lambisce, il parco delle Madonie, il parco dei Nebrodi, il parco fluviale dell'Alcantara ed il parco dell'Etna.
Un'altra denominazione in uso nel passato era strada Termini - Taormina, richiamando le due principali località vicine ai due capi del percorso.
Nel tratto della città metropolitana di Palermo, si snodava l'itinerario della Targa Florio.

Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie
Il percorso :


Città Metropolitana di Palermo
La strada inizia nei pressi della stazione di Cerda, era una tappa della più antica corsa automobilistica italiana su strada del mondo, la Targa Florio, che fu ideata e realizzata da Vincenzo Florio, a sette chilometri dal centro abitato di Cerda, collegandosi con la Settentrionale Sicula, attraversa Cerda, incrocia la SP 7, che serve i comuni di Aliminusa, Montemaggiore Belsito e Alia.
Proseguendo, incrocia la strada comunale che porta a Sclafani Bagni e passa per Caltavuturo.
Incrociata l'A19 Palermo-Catania mediante la strada statale 120 racc di Tre Monzelli, la strada prosegue lungo il versante meridionale della catena delle Madonie, attraversando gli abitati di Castellana Sicula e Petralia Sottana.
Incrocia poi la strada comunale che porta a Petralia Soprana, poi la strada statale 290 di Alimena e pochi chilometri dopo incrocia la strada statale 286 di Castelbuono, passando per Gangi.
Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie
Il percorso :


Città metropolitana di Enna
Superata Gangi, la strada entra nel territorio ennese, attraversando i comuni di Sperlinga famosa per il suo castello, Nicosia (dove incrocia e condivide un breve tratto con la strada statale 117 Centrale Sicula), Cerami e Troina, dove incrocia la strada statale 575 di Troina, che da Troina va a Paternò.
Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie
Il percorso :


Città metropolitana di Messina
La strada attraversa Cesarò, dove incrocia la strada statale 289 di Cesarò, continuando a lambire il versante meridionale della catena dei Nebrodi, si può visitare Palazzo Zito-Museo Laboratorio Della Conoscenza E Del Paesaggio Dei Nebrodi
Strada statale 120 dell'Etna e delle Madonie
Il percorso :


Città Metropolitana di Catania
Superata la provincia di Messina, la strada incontra la strada statale 284 Occidentale Etnea e gli abitati di Randazzo, dove incrocia la strada statale 116 Randazzo-Capo d'Orlando.
A questo punto, attraverso le frazioni di Passopisciaro e Rovittello prima di raggiungere Linguaglossa e Piedimonte Etneo, sulle pendici del versante settentrionale dell'Etna, per finire a Fiumefreddo di Sicilia, dove si unisce alla strada statale 114 Orientale Sicula.


Cosa fare e vedere nel Comune e nei dintorni
Cosa fare e vedere nel Comune o nel Paese e nei dintorni, la Sicilia con la sue molteplici sfaccetature, che vanno dai parchi naturali ad una salita sull'Etna, alle città d'arte, il barocco siciliano, la tradizione enogastronomica, i siti del patrimonio culturale dell'Unesco, i tipici musei le pinacoteche, le cantine vinicole, i trenta e più porti turistici, passando per le isole minori.
La regione offre svariate ed infinite possibilità di una vacanza indimenticabile, scegliete l'alloggio che soddisfi vostre aspettative e godetei la visita.
Alcuni di questi luoghi sono situati in località meno turistiche ed affollate, ma non per questo meno affascianti, maggiori info turistiche su pro loco.
Per una migliore visita puoi rivolgerti alle tante guide turistiche o ciceroni che per professione accompagna gruppi e comitive nelle visite di opere d'arte, musei, gallerie, scavi archeologici e paesaggi rilevanti dai punti di vista storico, artistico e naturale.

Torna ai contenuti