Motta sant'Anastasia guida turistica - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Motta sant'Anastasia guida turistica

Guida turistica Motta Sant'Anastasia

Il paese di Motta Sant'Anastasia è situato sul versante del monte Etna



La leggenda di Jana di Motta :
Nel 1409 Bianca di Navarra divenne Vicaria del regno, e il Conte di Modica Bernardo Cabrera avrebbe voluto sposarla per aumentare il suo potere. La regina Bianca non volle sposarlo ed il conte la inseguì per tutto il regno. La regina chiese aiuto al suo ammiraglio Sancio Ruiz de Livori che catturò Giustiziere facendolo rinchiudere nel Castello di Motta.
Una congiura era in atto contro il Conte: Jana, una fedele e astuta damigella della regina Bianca, d’accordo con l’ammiraglio Sancio e della regina, si travestì da paggio e si fece assumere dal conte convincendolo a tentare un’evasione per cercare di sposare la regina Bianca. Il conte abboccò e una notte, fattolo travestire da contadino, Jana lo fece calare da una finestra del castello con una corda; ma ad un certo punto, Jana mollò la corda,e il conte cadde dentro una grossa rete preparata precedentemente dove rimase tutta la notte; al mattino Jana, rivelatasi,lo fece imprigionare al Castello Ursino di Catania.

Il Patrimonio architettonico :

La Chiesa Madre

Originariamente nel XIII secolo, quando fu edificata,  presentava una struttura a pianta centrale, secondo la tipica liturgia bizantina. Successivamente fu  ampliata nel XV e nel XVI secolo e la sua forma  divenne a croce latina, simile allo schema  planimetrico della Basilica romana. L'attuale  campanile venne inserito nella chiesa solo nel  Settecento.
La chiesa madre si trova nel borgo, nei pressi della  Torre, ed è raggiungibile percorrendo la Via Castello.
Fu dedicata a Maria SS. del Rosario.
Al suo interno sono custoditi una pregevole  pala d'altare ed il quadro della Madonna del  Rosario appartenenti alla scuola di Antonello da Messina, il quadro della Madonna del Carmelo della  stessa fattura, un crocifisso del 1500, il simulacro in  cartapesta di S. Giuseppe. La statua sacra, nonostante  la qualità del suo materiale, è di notevole pregio artistico. Da notare le venature delle mani del santo lavoratore e l'espressione patriarcale del suo viso.
La torre campanaria è di stile settecentesco. Nella  parte alta di essa sono visibili due martinelle del  vecchio orologio meccanico oggi non più esistente.
La campana della torre porta incisa, un'epigrafe  latina che ricorda la sua ricollocazione nell'anno 1835.


Chiesa della Immacolata
nella piazzetta dell’Immacolata, sempre nei pressi del castello. Rappresenta la più antica struttura religiosa di cui si hanno tracce nel territorio di Motta, risalente presumibilmente ad epoca medievale, ma ricostruita nel XVII secolo.

Pare che la chiesa sia stata il primo edificio a custodire le reliquie della Santa Patrona Anastasia. Sopra l’altare maggiore è posto il simulacro dell’Immacolata Concezione di inestimabile valore artistico. L’opera è del ‘600 e di stile andaluso. Lo testimonia la raggiera (raflaga) dorata che aureola la statua con lingue di fuoco. La raggiera è ingemmata di teste alati di putti e rallegrata da angeli policromi che glorificano l’Immacolata con l’argenteo saio e l’azzurro manto stellato.

All’interno della chiesa sono custodite alcune tele di autori ignoti del XVII e XVIII secolo raffiguranti. S. Barbara, S. Agata e S. Lucia, la Sacra famiglia, i santi Gioacchino, Anna e Giuseppe con Maria e Gesù e san Nicola di Bari. Una delle due campane, reca impresso l’anno 1815 e un medaglione con l’effige della Vergine Maria

La Chiesa della Madonna delle Grazie

La Chiesa di S. Antonio da padova

Cimitero militare germanico

Motta Sant'Anastasia informazioni turistiche sul patrimonio architettonico
Informazioni e accoglienza turistica a Motta Santa Anastasia
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.


Comuni confinanti
Belpasso, Camporotondo Etneo, Catania, Misterbianco

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu