Il parco naturale dei Nebrodi - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Il parco naturale dei Nebrodi

Il Parco dei Nebrodi

Il parco dei Nebrodi, separa il mare Tirreno dall'Etna , con una vista mozzafiato sulle isole eolie, è suddiviso in quattro zone, funzionali alla conservazione e, quindi, alla valorizzazione delle risorse che costituiscono il patrimonio dell’area protetta.

I monti Nebrodi o Caronie sono una catena montuosa che assieme alle Madonie ad ovest e ai Peloritani ad est, costituiscono l’Appennino Siculo.
Essi s'affacciano, a nord, direttamente sul Mar Tirreno, a volte quasi a strapiombo; il loro limite meridionale è costituito dall’Etna, dalla quale sono separati dal fiume Alcantara e dall’altro corso il Simeto, il principale fiume della Sicilia.

Sono 24 i Comuni il cui territorio ricade all’interno dell’area protetta:
- 19 in provincia di Messina (Acquedolci, Alcara Li Fusi, Capizzi, Caronia, Cesarò, Floresta, Galati Mamertino, Longi, Militello Rosmarino, Mistretta, Raccuja, Sant’Agata Militello, Santa Domenica Vittoria, San Fratello, San Marco d'Alunzio, Santo Stefano di Camastra, San Teodoro, Tortorici, Ucria),
- 3 in provincia di Catania (Bronte, Maniace, Randazzo),
- 2 in provincia di Enna (Cerami, Troina).

La zona A (di riserva integrale), comprende i sistemi boschivi alle quote più elevate, le uniche stazioni siciliane di tasso ed alcuni affioramenti rocciosi. Oltre i 1200 metri sul livello del mare, sono localizzate varie faggete , mentre a quote comprese fra gli 800 e i 1200 metri, sui versanti esposti a nord, e tra i 1000 e i 1400 metri, sui versanti meridionali, è dominante il cerro. Ampie aree per il pascolo s’aprono, inoltre fra faggete e cerrete. È importante evidenziare che il faggio trova nel parco l’estremo limite meridionale della sua area di diffusione. A quote meno elevate (600-800 metri sul livello del mare) si trova la sughera che, in particolare nel territorio di Caronia, forma associazioni di grande pregio ecologico. Sono, infine, comprese nella zona A le stazioni delle specie endemiche più importanti e le zone umide d’alta quota, nonché tratti d’interessanti corsi d’acqua.

La zona B (di riserva generale) include le rimanenti formazioni boschive ed ampie aree destinate al pascolo, localizzate ai margini dei boschi. Sono, inoltre, presenti limitate zone agricole ricadenti in aree caratterizzate da elevato pregio naturalistico e paesaggistico.

La zona C (di protezione), comprende nove aree, strategicamente distribuite sul territorio, in cui sono ammesse le attività rivolte al raggiungimento d’importanti finalità del parco quale, ad esempio, la realizzazione di strutture turistico-ricettive e culturali.

La zona D (di controllo) costituisce la fascia esterna dell’area protetta consente il passaggio graduale nelle aree a più alta valenza naturalistica.

tel. 0941 702524
info@parcodeinebrodi.it
www.parcodeinebrodi.it



il parco dei Nebrodi
I Comuni del Parco naturale dei Peloritani
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.

  • Acquedolci, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, si affaccia sulla costa tirrenica settentrionale siciliana, di fronte alle Isole Eolie, e si sviluppa alle falde del maestoso monte San Fratello. Il Monte è un massiccio calcareo (710 mt) ospita la suggestiva Grotta di San Teodoro, ruderi del vecchio castello, all'interno del quale sono ancora riconoscibili le cantine, gli appartamenti privati del Barone e i saloni.
  • Alcara li Fusi, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, a 398 m s.l.m. sulle pendici dei Nebrodi, che si estendono dalle cime del monte Crasto ,circa 1.300 m s.l.m. a nord est, all'altopiano di Miraglia, con il monte Soro 1.847 m s.l.m. Il Lago Maullazzo è un piccolo lago artificiale di circa 5 ettari ricadente nel comune di Alcara Li Fusi, posto alle pendici di Monte Soro. La Grotta del Lauro costituisce un polo di straordinaria attrazione per le innumerevoli stalattiti, stalagmiti e colonne dalle forme più svariate. In essa è presente anche un tipo di concrezione mammellonare formata da spessi strati di calcite, trasparente nel suo interno. Le Rocche del Crasto sono formazioni rocciose di natura calcarea dell'era mesozoica ricadenti nel territorio dei comuni di Alcara Li Fusi, Longi e San Marco d'Alunzio, ad un'altezza di 1315 m s.l.m., sui monti Nebrodi.
  • Capizzi, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, deriva dal latino Capitium, che significa falco. La prima attestazione dell'esistenza della cittadina è di Cicerone e risale quindi al periodo romano. La Chiesa Madre, risalente al 1234, e la statua cinquecentesca attribuita ad Antonello Gagini che si conserva, all'interno della Chiesa di San Giacomo.
  • Caronia, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, il Castello è sicuramente il più importante fra i monumenti cittadini. Costruito in epoca normanna (XII secolo) probabilmente al tempo di re Ruggero il castello, oggi di proprietà privata, al Castello appartiene una cappella, uno dei pochissimi esempi in Sicilia di cappelle normanne a tre navate. La centrale quasi doppia delle laterali con pilastri a base rettangolare, chiuse da tre piccole absidi semicircolari, originale architettura riconducibile a motivi e stili tipici delle chiese basiliano.
  • Cesarò, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Floresta, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge a 1275 metri è il comune più alto della Sicilia
  • Galati Mamertino, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge in una zona montagnosa interna, posta a 800 metri sopra il livello del mare. Rilevante pure il Santuario della Madonna di Trofillo immerso nei noccioleti e il borgo Milè, esempio tipico, perfettamente conservato, degli antichi villaggi siciliani. La stupenda Cascata del Catafurco e il bosco di Mangalavite all'interno del parco dei Nebrodi.
  • Longi, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Militello Rosmarino, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge in una zona montana litoranea, posta a 420 metri sopra il livello del mare.
  • Mistretta, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, Ai piedi del monte del Castello sorge un'antica Chiesa rurale dedicata alla Madonna Della Luce. Fondata tra il XV ed il XVI secolo, doveva avere all'origine dimensioni e forme architettoniche ben più modeste di quelle attuali. Nel corso del tempo, la Chiesa si trasforma in santuario con l'aggiunta di nuove fabbriche annesse all'edificio centrale: la sagrestia, l'eremitorio, un refettorio, e una pinnàta. Dal 1747 vengono realizzate tre cappelle su richiesta del procuratore pro tempore Filippo Portera. I lavori continuano fino al 1830. La Chiesa assume così la forma di una croce latina con cupola su tiburio ottagonale all'incrocio dei bracci. www.madonnadellaluce.altervista.org
  • Sant' Agata di Militello, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Santa Domenica Vittoria, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge a 1080 m sul livello del mare
  • San Marco d'Alunzio, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • San Fratello, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,, un tempo chiamata Apollonia, è una storica cittadina in provincia di Messina posta sui Monti Nebrodi a circa 640 metri sul livello del mare, è racchiuso tra i torrenti Inganno e Furiano.
  • San Teodoro, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge in una zona montana interna, posta a 1.1.50 metri sopra il livello del mare.
  • Tortorici, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Ucria, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Bronte, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,, si estende alle pendici occidentali dell'Etna, le Forre laviche del Simeto sono gole, con pareti di altezza variabile tra i 5 e i 15 metri, scavate dal fiume Simeto nel basalto, la gestione della riserva è stata affidata al Dipartimento Azienda Regionale Foreste Demaniali
  • Maniace, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, Castello Nelson , Chiesa di santa Maria di Maniace è un insigne monumento dell’arte romanica del dodicesimo secolo e sembra preludere al bel gotico cistercense per la sobrietà e la purezza dei suoi profili architettonici. L’interno, a pianta longitudinale, si dispiega su tre navate e si interrompe, quasi bruscamente, nella piatta parete di fondo all’altezza dell’arco trionfale, di cui rimangono tracce
  • Randazzo, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Cerami, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune,
  • Troina, informazioni turistiche, cosa vedere, siti di interesse, monumenti e molto altro nella pagina dedicata al Comune, sorge in una zona montuosa, al centro di un terreno ricco di boschi e di pascoli, una torre normanna, rimaneggiata o forse completata nel ’500, che funge da campanile della Chiesa Madre, Maria Santissima Assunta, profondamente trasformata nel ’400 e nell’800.
Informazioni e accoglienza turistica
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.

Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu