Patrimonio Unesco Agrigento - ClickSicilia Informazioni Turistiche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Agrigento, Area archeologica

Fondata nel VI secolo come colonia greca, Agrigento diventò una delle più importanti città del mondo mediterraneo.  l’antica città di Akragas Agrigentum, è situata nella parte meridionale della Sicilia a 230 metri dal livello del mare. Testimonianza della cultura greca è la Valle dei Templi.

La valle dei templi di Agrigento

A testimonianza dell’antica cultura classica di questi luoghi la Valle dei Templi riunisce i templi degli dei e delle dee oltre alla zona delle necropoli e dei santuari extra-moenia: per preservarne intatte le vestigia e la magia, nel 2000 è stato istituito il Parco Archeologico della Valle dei Templi.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Giunone posto nella parte più alta dell’antica città greca, dedicato alla dea Era Lacinia (Giunone), edificato nel V secolo, fu incendiato nel 406 dai Cartaginesi. Nel tempio, dedicato alla dea protettrice del matrimonio e del parto, i Greci solevano celebrare le nozze dopo aver svolto un rito propiziatorio.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio della Concordia si trova lungo la via Sacra, anch’esso eretto verso il V secolo, oggi è quello meglio conservato. Nel VI secolo fu trasformato in edificio sacro. Il nome Concordia deriva da un’iscrizione latina ritrovata nelle vicinanze del tempio stesso.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Eracle (Ercole) è il più antico, il dio era venerato con particolare attenzione dagli akragantini. Al suo interno vi era una statua di bronzo raffigurante lo stesso Ercole, amato come eroe nazionale. Del tempio, distrutto da un terremoto, oggi rimangono solo otto colonne.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Zeus Olimpico (Giove) venne edificato per ringraziare il dio Zeus in occasione della vittoria del 480 a.C. degli Agrigentini sui Cartaginesi. Qui si trovano i telamoni, gigantesche statue con sembianze umane.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Castore e Polluce (Dioscuri) i leggendari gemelli nati dall’unione della regina di Sparta con Giove, è diventato il simbolo della città di Agrigento; oggi conserva solo quattro colonne.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Vulcano risalente al V secolo doveva essere una costruzione imponente, oggi ci rimane ben poco. Nelle fondamenta furono rinvenuti i resti di un tempietto arcaico.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

Il tempio di Esculapio fu costruito ben fuori delle antiche mura della città, luogo di pellegrinaggio dei malati che chiedevano di essere guariti. Le pareti del tempio erano ricoperte dalle scritte dei malati che ottenevano la guarigione.

La valle dei templi di Agrigento
La valle dei templi di Agrigento

La tomba di Terone, in prossimità della Porta Aurea, un imponente monumento di pietra tufacea di forma piramidale, fu eretto per ricordare i caduti nella seconda guerra punica.

La valle dei templi di Agrigento
Le tombe cristiane
Informazioni e accoglienza turistica ad Agrigento
Per ricevere maggiori informazioni turistiche per visitare il Comune la sua storia i monumenti da visitare, riserve naturali e spiagge, visite guidate, orari di apertura, biglietti d'ingresso, numeri utili per il turista, strumenti per programmare una vacanza, cosa fare, dove mangiare, dove dormire. offerte di soggiorno e pacchetti di viaggio da parte di alberghi e operatori turistici locali.
Per comunicazioni o collaborazioni, il tempo che potete dedicare da parte vostra ad aiutarci a titolo gratuiito, per meglio potere sviluppare le pagine del sito, potreste farlo inviando il vostro materiale.
Ogni Vostra opera inviata, ci autorizza automaticamente e tacitamente alla sua eventuale pubblicazione gratuita per tutte le volte che il nostro circuito lo riterrà opportuno. Resta inteso che la proprietà del materiale è comunque degli autori che ci autorizzano.
Torna ai contenuti | Torna al menu