Itinerari valli e gole Palermo - Itinerari in Sicilia

Vai ai contenuti

Itinerari valli e gole Palermo

Valichi e valli nel territorio di Palermo
Valichi e valli nel territorio di Palermo
Le gole del Sosio costituiscono un canyon naturale nei territori di Bivona e Burgio nell'agrigentino, Chiusa Sclafani e Palazzo Adriano nel palermitano.
Il canyon, profondo e roccioso, è lungo 8 chilometri. Si trova all'interno del Parco dei Monti Sicani.

Le gole del Drago costituiscono un canyon naturale nel territorio di Corleone, comune italiano della città metropolitana di Palermo in Sicilia.
Sono formate dal fiume di Frattina, affluente del Belice Sinistro. Il canyon, una gola stretta, è stato scavato dal fiume che ha attraversato un tratto di terreno di roccia calcarea a forte pendenza. Il fiume ha formato, nel suo percorso, il canyon, cascate e alcuni laghetti.

Le gole di Tiberio (o gole del Pollina sono un canyon naturale nel territorio di San Mauro Castelverde, al confine con quelli di Pollina e di Castelbuono nel Parco delle Madonie in Sicilia.
Poste a circa 80 m s.l.m., si trovano lungo il fiume Pollina a circa dieci chilometri di distanza dalla foce del fiume, il Mar Tirreno.
Risalenti al periodo del Triassico superiore (più di 200 milioni di anni fa), per le sue valenze geologiche sono state riconosciute dall'UNESCO come uno dei siti Geoparks Network.

Le gole del torrente Corleone o canyon di Corleone costituiscono un canyon naturale nel territorio di Corleone, comune italiano della città metropolitana di Palermo in Sicilia.
Sono formate dal torrente di Corleone, affluente di sinistra del Belice Sinistro, che, prima dell'ingresso nell'omonimo paese, ha scavato nei secoli un breve ma tortuoso canyon tra alte pareti stratificate composte da rocce calcaree, calcareniti glauconitiche. Al termine della gola, il canyon compie un salto di circa 10 metri, formando la cascata delle Due Rocche.

Le gole di Gazzara costituiscono un canyon naturale nel territorio di Caltavuturo, comune italiano della città metropolitana di Palermo in Sicilia.
Rappresentano una delle principali attrazioni del comune madonita.

La valle dell’ Oreto è stata creata dall'erosione dovuta alla presenza del fiume Oreto, è lunga circa 20 km ed ha una larghezza media di circa 6 km ed ha un andamento da Sud a Nord, iniziando nella periferia Sud di Palermo e terminando la sua corsa sul Mar Tirreno. Attualmente è in condizione di assoluto degrado a causa dell'edificazione selvaggia avvenuta ai lati del fiume che lo hanno reso insalubre.




Torna ai contenuti