petralia soprana turismo, guida turistica del Comune - Città e Paesi Sicilia

Vai ai contenuti

petralia soprana turismo, guida turistica del Comune

Petralia Soprana sorge a 1147 m. sul livello del mare è il più alto comune della provincia di Palermo e domina un ampio paesaggio che spazia dalle cime innevate dell'Etna, alla città di Enna e ai monti del palermitano e poi le ampie vallate e i corsi d'acqua delle campagne che la circondano. Fa parte del parco delle Madonie ed è un dei borghi più belli d'Italia.
Sotto i Normanni, mantenne il suo primario ruolo strategico e mutò l'antico nome di Petra in quello attuale di Petralia, attestato dal sec. XII, forse in onore del santo profeta Ella, fondatore dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi, un convento di quest'Ordine sorse verso il 1050 dov'e oggi la chiesa della Madonna di Loreto
Arco di porta Seri, residuo della cinta muraria.

Il palazzo Municipale, già convento dei Carmelitani Scalzi, in stile neogotico.

Chiesa del Collegio di Maria. Ristrutturata nel sec. XVI, presenta all'interno stucchi settecenteschi, una Crocifissione del '600 ed una bella statua quattrocentesca della Madonna del Carmelo.

Chiesa Madre dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, sita in piazza Duomo, fu rifondata nel XIV sec. e modificata nel corso del '700. Ha un portico barocco a colonnine binate, sotto il quale si trova un nobile portale gotico-catalano del '400. Quasi alla base del campanile antico, una pregevole bifora quattrocentesca incornicia le statue dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, in graziosa misura ridotta. Nell'interno della chiesa, a tre navate, sono custodite statue di Antonello Gagini, di Giorgio da Milano e Giuliano Mancino, e un Crocifisso di fra¿  Umile da Petralia (Gianfrancesco Pintomo, artista del sec. XVIII, che fu attivo in molti centri della Sicilia e della Calabria, e si e meritato il monumento, in paese, nel centro della piazza Ruggero Settimo).

Chiesa del Santissimo Salvatore, in via Cavour, con la poderosa cupola e, nell'interno, un'icona quattrocentesca di scuola gaginesca.

Chiesetta rinascimentale dedicata al Santo, si raggiunge la chiesa Santa Maria di Loreto che, oltre ad alcune opere scultoree di pregio, possiede una suggestiva sacrestia con affreschi al soffitto e alle pareti.
Resti del castello normanno
Usciti da Petralia, si costeggia il secentesco convento di Santa Maria di Gesù dei Padri riformati.
Nella contrada Raffo, frazione di Petralia Soprana, è possibile visitare il Museo d’Arte Contemporanea Sotto Sale
Cose da non perdere, i luoghi d'interesse da visitare a Petralia Soprana
Cose da non perdere, i luoghi d'interesse da visitare a Petralia Soprana, gli itinerari più annoverati per scoprire l'identità del luogo.



Email: info@clicksicilia.com
Torna ai contenuti