Unesco Pantalica la necropoli - Patrimonio Unesco in Sicilia

Unesco Sicilia

Scopri le meraviglie del patrimonio Unesco in Sicilia! Esplora i siti culturali e naturali che rendono questa regione unica al mondo.  
Pianifica il tuo viaggio e immergiti nell'arte e nella storia millenaria di questa terra affascinante. Ammira la bellezza, la Sicilia è una destinazione che non delude mai.
Vai ai contenuti

Unesco Pantalica la necropoli

Pantalica e la valle dell'Anapo - Sito Unesco

Fra i monti Iblei che si incastonano la Valle dell’Anapo, nella Sicilia sud-orientale, Pantalica, , oasi naturalistiche di rara bellezza, i Comuni in cui ricade sono: Cassaro, Sortino, Ferla.

Comprende le vallate su cui scorrono il fiume Anapo e il Calcinara, all'interno della riserva ci si sposta prevalentemente a piedi, o nelle aree adatte in bicicletta. Tuttavia, essendo l'area molto vasta vi sono diversi ingressi e diverse possibilità di accesso raggiungibili con l'auto.

La Valle dell’Anapo, attraversata dall’omonimo fiume, è luogo privilegiato dove armoniosamente si fondono ambiente, paesaggio, storia e cultura. In quest’area dalla ricca e variegata flora e fauna sorge Pantalica (dall’arabo buntarigah = grotta), la più grande necropoli del Mediterraneo con le sue 5.000 tombe a grotticelle artificiali, sede, per alcuni studiosi, dell’antica città dei siculi Hybla.
La scoperta di Pantalica si deve all’appassionato lavoro di Paolo Orsi e, successivamente, di Bernabò Brea, due fra i più insigni archeologi del mondo. Per la sua posizione la veduta della necropoli, delimitata dalle due grandi cave lungo le quali scorrono i fiumi Anapo e Calcinara, è estremamente suggestiva. Di particolare rilievo à l’Anacktoron (palazzo del principe) risalente al XII secolo a.C. La città dopo la dominazione greca e romana tornò ad essere fiorente in epoca bizantina: sarà l’avvento arabo a decretare la fine di Pantalica.

Per scoprire la meravigli di Pantalica vi suggeriamo di rivolgervi alle associazioni che effettuano tour organizzati, a titolo puramente indicativo non esaustivo:


Itinerario del barocco siracusano
Un Itinerario dell’Arte Barocca nel siracusano, Chiese, Ville e Dimore Storiche, l'intento è quello di proporre un ipotetico itinerario che oltre ai luoghi più conosciuti dell’architettura barocca, vengono menzionati anche alcuni piccoli centri dell’entroterra siciliano.
Spazio pubblicità
Costruiamo uno spazio pubblicitario
Possiedi una attività commerciale-turistica, vorresti inserire inserire della pubblicità, questo spazio è disponibile, pubblicizza la tua attività
Lo spazio in blu è per la tua pubblicità
Proponi il tuo sito con una immagine, il tuo social network, come Instagram e Facebook, i propri canali YouTube,
le tue sezioni pubblicitarie tra i risultati di ricerca su Google, Yahoo e altri motori di ricerca
Amplia il tuo spazio pubblicitario
Non ho uno spazio pubblicitario?
Non sai come scegliere dove pubblicare gli annunci?
Non preoccuparti questo è uno spazio pubblicitario
Curiosità
La località di Pantalica ha dato il nome a un celebre racconto di Vincenzo Consolo, Le pietre di Pantalica, in cui l'altopiano diventa una metafora del cammino dell'uomo.

da Berlino lo scrittore e poeta Joachim Sartorius, che a Siracusa torna come si torna a casa, gli dedica due poesie nella traduzione di Anna Maria Carpi.
su suggerimento di Etta Scollo   https://vincenzoconsolo.it/

Die Nekropole von Pantalica

La necropoli di Pantalica
L’airone vola nei boschi e si colma le ali di spezie.
Il cielo è teso come una pelle, grigio chiaro.
Io sono il pastore che spacca i fichi.
Mi diffondo a parlare delle pecore grigie.
E ancora più bello è sopra le tombe scure.
La prima farfalla, bruna e nevosa.
Aperto in cima al monte c’è il libro
che decide  le forme del suo volo.

Nasce a Sant'Agata di Militello, in provincia di Messina, il 18 febbraio 1933 da genitori originari di San Fratello.
I suoi riferimenti umani e letterari, in quella stagione, sono lo scrittore Leonardo Sciascia e il poeta Lucio Piccolo.
La vera rivelazione arriva nel 1976, con Il sorriso dell'ignoto marinaio, singolare ricostruzione di alcuni eventi svoltisi nel nord della Sicilia al passaggio dal regime borbonico a quello unitario e culminati nella sanguinosa rivolta contadina di Alcara Li Fusi nel maggio 1860. Un anno dopo, nel 1977, Consolo diviene consulente editoriale della Einaudi per la narrativa italiana, insieme, tra gli altri, a Italo Calvino e Natalia Ginzburg.
Tra le altre sue opere principali: Retablo (1987), Nottetempo, casa per casa (1992), L'olivo e l'olivastro (1994), Lo spasimo di Palermo (1998), Di qua dal faro (2001). Tra i racconti: Le pietre di Pantalica (1988), Per un po' d'erba ai limiti del feudo (in Narratori di Sicilia a cura di L. Sciascia e S. Guglielmino, 1967), Un giorno come gli altri (in Racconti italiani del Novecento a cura di E. Siciliano, 1983), il racconto teatrale Lunaria (1985), Catarsi (1989).
Scrivi una recensione, condividi la tua esperienza
Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Torna ai contenuti