Il passavolante nella tradizione di Vicari, dolce alle mandorle

Blog di clicksicilia.com

Benvenuti nel blog di clicksicilia, il posto perfetto per scoprire tutte le informazioni e le curiosità sulla meravigliosa Sicilia. Qui troverete articoli interessanti su luoghi da visitare, tradizioni locali, piatti tipici e molto altro. Siamo appassionati di turismo e desideriamo condividere con voi le nostre esperienze e consigli per rendere il vostro viaggio in Sicilia indimenticabile. Scoprite con noi i tesori nascosti dell'isola, le sue spiagge incantevoli, le città d'arte e i borghi pittoreschi. Siamo qui per accompagnarvi in un viaggio alla scoperta delle meraviglie di questa terra affascinante.
Vai ai contenuti

Il passavolante nella tradizione di Vicari, dolce alle mandorle

Il blog di clicksicilia, informazioni e curiosità per scoprire la Sicilia

Il passavolante nella tradizione e cultura di Vicari, dolce alle mandorle

Il “Festival della mandorla e del passavolante” di Vicari si conferma come uno degli appuntamenti enogastronomici più interessanti.
Si tratta di una leccornia a base di mandorle, uovo e zucchero. Il “Festival della mandorla e del passovolante” ha l’obiettivo di promuovere questa tipicità, oltre a mantenere e tenere vive le tradizioni.

Ogni paese si contraddistingue per la produzione di un prodotto tipico. Il passavolante, racchiude in sé aspetti culturali storia, tradizione, religiosi e sociali.

L’ origine del passavolante di Vicari
Difficile stabilire l’origine di questa leccornia. Infatti per passavolante si intende una macchina militare che nei secoli 15°e 16° veniva adoperata per scagliare pietre; con lo stesso nome veniva chiamata la colubrina di grande gittata, ed anche un cannone di legno montato su bastimenti mercantili per batterie simulate. Passovolante erano anche intesi i soldati che nei secoli 16°-17° non svolgevano un servizio militare effettivo.
La scrittrice Sara Favarò, sostiene inoltre che questo dolce veniva preparato nel Settecento presso il famoso convento di Vicari, paesino dell’entroterra palermitano, intestato a San Francesco e che i monaci lo idearono per la folla, in occasione del matrimonio, per omaggiare gli invitati della figlia del barone,
Non dimentichiamo che il Mandorlo, è simbolo di speranza e rinascita perchè la visione di un Mandorlo in fiore, in una giornata di sole sul finire dell'inverno, per questo incredibile motivo il significato del fiore di mandorlo è la speranza ma anche la fragilità.

La festa del mandorlo in fiore è una festa popolare della città di Agrigento che, come vuole la tradizione, si ripete ogni anno, ed uno dei brani più cantati, suonati e ballati dal gruppo folcloristico di Agrigento è la Schiacciata di li mennuli ("la schiacciata delle mandorle"). La canzone, scritta dal musicista e poeta agrigentino Michele Pisciotto, rievoca la raccolta e le varie fasi della lavorazione delle mandorle.

Ritroviamo nel mito, scritto da Omero, che racconta della fioritura del mandorlo. Essa sarebbe collegata alla storia d'amore di Acamante e Fillide. Acamante, tardò a ritornare e quando venne a sapere della morte della sua amata e del fatto che era un mandorlo, andò verso l'albero e l'abbracciò. Fillide/pianta, sentendo il calore dell’amore di Acamante, fece spuntare dai suoi rami una cascata di fiori rosati , si erano stretti un abbraccio. Per i cristiani l'albero di mandorlo, il primo a fiorire in primavera, ricorda la risurrezione di Gesù.

Fonti di questo articolo:


Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Torna ai contenuti