Viaggio tra i luoghi di Pace siciliani

Vai ai contenuti

Viaggio tra i luoghi di Pace siciliani

Il Blog Clicksicilia perchè la Sicilia sia divertimento e relax
Pubblicato in Cultura e Società · 5 Aprile 2022
Tags: luoghidipacelacampanadellapacelapagodadellapaceilmontedegliulivitorrettaPepoli
Viaggio tra i luoghi di "Pace siciliani", un tour che va oltre la città d'arte, dei parchi archeologici
In viaggio tra i luoghi di Pace, luoghi di spiritualità, centri di meditazione dove l’accoglienza è ispirata alla meditazione e al silenzio, patrimonio di uno stile di vita che si va perdendo. Fermarsi per riposare, riflettere, trovare pace e cercare risposte.

La campana della Pace di Antillo

La grande Campana per la Pace venne installata a Pizzo Monaco, il punto più alto della Val d’Agrò, nel 2007 e inaugurata con una imponente cerimonia il 21 settembre di quell’anno. Un monumento dedicato ai dispersi di tutte le guerre ed eretto in memoria del sacrificio di quanti perirono nei conflitti. L’idea risale al 1983: nel 1992 un’antica fonderia completò e consegnò l’opera del peso di cinque tonnellate per sei metri di circonferenza, artisticamente istoriata con un disegno del pittore Piero Serboli, che riproduce l’immagine stilizzata di un uomo crocifisso a testa in giù circondato da mezzi bellici.

Torretta Pepoli, Osservatorio permanente di Pace e Faro del Mediterraneo

Costruita sul monte Erice, fu fatta realizzare dal Conte Agostino Pepoli, di cui prende il nome, intorno il 1881. Costruita all’interno del giardino del Balio, restaurata e riaperta al pubblico per scopi turistici e culturali, inaugurata come “Osservatorio permanente di Pace e Faro del Mediterraneo”. Al suo interno è stato allestito un Museo interattivo multimediale che permette al visitatore di compiere un excursus nella storia, nella cultura, nelle tradizioni della città di Erice e dei suoi personaggi, con la narrazione vocale del Conte Pepoli.
Chi era Agostino Pepoli?
Il conte Agostino Pepoli, (1848-1911), apparteneva all famiglia nobiliare dei Sieri Pepoli; cultore del bello e mecenate, intorno al 1870 fece costruire una “torretta” in stile liberty articolata su 4 livelli. Rifugio silenzioso per le sue meditazioni; ritrovo ideale, in quegli anni, di uomini di cultura, artisti e quali il letterato Ugo Antonio Amico, il musicologo Alberto Favara, l’archeologo Antonino Salinas, il ministro Nunzio Nasi e tanti altri. Con la sua collezione privata fondò a Trapani nel 1906 il Museo Regionale Pepoli, anche con le opere d’arte ereditate da Michele Sieri Pepoli, fratello del padre.

La pagoda della Pace a Comiso

Era il 24 maggio 1998 viene eretta la bellissima Pagoda della Pace in cima ai monti Iblei, una delle pochissime pagode realizzate in Europa. La Pagoda è situata, infatti, in un luogo molto significativo: è al centro del Mediterraneo e a metà strada fra il Sud e il Nord. È considerata tra le più belle al mondo. Il tempio buddista è alto 16 metri ed ha un diametro di 15 metri, ha l’aspetto classico dello stupa indiano, e la sua cupola è rotonda con un pinnacolo finale, interamente rivestita di pietra locale di colore bianco ed è per questo che è visibile a chi guarda verso la collina di Canicarao.


Il Villaggio Monte degli Ulivi a Riesi

Il Villaggio Monte degli Ulivi è un complesso architettonico costituito da sei edifici progettati dall'architetto Leonardo Ricci all'estremità sud-orientale della città di Riesi in Sicilia. Fu costruito tra il 1963 e il 1966 per il centro diaconale "Servizio Cristiano", la motivazione di Vinay era contrastare la povertà, l'analfabetismo e la criminalità causati dal declino dell'estrazione di zolfo nella regione.
Un villaggio vero e proprio, in cui si possano svolgere diverse attività: da quelle produttive a quelle culturali a una foresteria residenziale.
Fonti di questo articolo:



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0

Cose da fare e vedere in Sicilia

Se state pensando dove andare cosa fare in viaggio siete nel posto giusto.
Non è un agenzia turistica o una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità, è un sito amatoriale
Torna ai contenuti