Montalbano Elicona ed il corallo rosso di Trapani

Blog di clicksicilia.com

Benvenuti nel blog di clicksicilia, il posto perfetto per scoprire tutte le informazioni e le curiosità sulla meravigliosa Sicilia. Qui troverete articoli interessanti su luoghi da visitare, tradizioni locali, piatti tipici e molto altro. Siamo appassionati di turismo e desideriamo condividere con voi le nostre esperienze e consigli per rendere il vostro viaggio in Sicilia indimenticabile. Scoprite con noi i tesori nascosti dell'isola, le sue spiagge incantevoli, le città d'arte e i borghi pittoreschi. Siamo qui per accompagnarvi in un viaggio alla scoperta delle meraviglie di questa terra affascinante.
Vai ai contenuti

Montalbano Elicona ed il corallo rosso di Trapani

Il blog di clicksicilia, informazioni e curiosità per scoprire la Sicilia
Pubblicato in Cultura e Società · 29 Novembre 2023

Mons Albus Helikon o Montalbano Elicona ed il corallo rosso di Trapani

Mons Albus Helikon o Montalbano Elicona, un sito, coincidente con l'altura su cui sorge il borgo medievale ed un torrente vicino il cui andamento tortuoso giustifica l'appellativo di Elicona, che è un monte situato nella regione di Tespie in Grecia, e probabilmente il suo tortuoso fiume ha riportato alla memoria dei Sicelioti, o Greci di Sicilia, la celebre sorgente Ippocrene, sacra alle Muse e toponimo formato sulla radice hippo "cavallo", giacché la tradizione voleva che fosse stato uno zoccolo del cavallo Pegaso a farle zampillare.

Qui ci troviamo a Montalbano Elicóna comune della Città Metropolitana di Messina, 920 m s.m., patrono San Nicola di Bari 6 dicembre. Centro situato sul versante settentrionale dei monti Nebrodi.
Le prime testimonianze sull'esistenza del borgo risalgono all'XI secolo, quando risultava possesso demaniale. Nel 1232 si rivoltò contro Federico II di Svevia, parteggiando per il papa.
L'imperatore Federico II di Sicilia impone un nuovo assetto politico e una diversa configurazione alla struttura urbanistica del centro medievale ribellatosi alla sua volontà a causa delle promulgazioni delle Leggi Melfitane o Costituzioni di Melfi, demolendo parzialmente il primitivo manufatto, deportando gran parte della popolazione ad Agrigento e procedendo in seguito, a una totale riedificazione della fortezza, portata a termine solo più tardi dal pronipote Federico III di Sicilia.
Strutturalmente la Costituzione di Menfi comprendevano quattro organizzazioni dello Stato: lo Stato, in cui si definivano i poteri del sovrano; la Giustizia, affidata al Maestro generale di Giustizia; la Finanza, affidata ai Maestri Camerari; il Feudo. Il potere era pienamente nelle mani dell'imperatore, il quale era affiancato dalla Magna Curia, il consiglio dei principali funzionari imperiali, di cui il «maestro giustiziere» e il «maestro camerario» erano i rappresentanti più autorevoli; dalla Magna Curia dipendevano poi tutti gli altri funzionari.

Ritorniamo ad Elicona ed ai sicelioti, hanno portato con loro un'altra storia, quella del rosso corallo, Perseo nascose la testa di Medusa per breve tempo sulla riva del Mar Rosso, mentre era intento a liberare Andromeda, e si narra che in quel periodo di tempo la testa della gorgone pietrificò alcune alghe creando la barriera corallina, da qui il corallo rosso, tra tutti i monili uno particolarmente prezioso e assai originale è il corallo, ed il corallo rosso, nato dal sangue di Medusa, ancora oggi detto ‘gorgonia’ o ‘pietra del sangue’.
Divagando, il corallo, così come la testa della Medusa hanno un valore apotropaico, per cui sarebbe bene, per allontanare mali di qualsiasi specie, munirsi di una collana di corallo con una bella testa di gorgone per ciondolo, se siete in giro per la Sicilia, dall’altra parte dell’isola, presso il museo Pepoli a Trapani, incantevoli capolavori in corallo, e botteghe con maestri che con le loro botteghe in città creano con tecniche tradizionali, sofisticati gioielli, presepi, sculture, oggetti di pregio e perché non una raffigurazione della testa di gorgone con l’oro rosso del mediterraneo.

Ma ritorniamo un attimo a Montalbano Elicona, il comune è stato inserito il 5 aprile 2015 nell'elenco dei 90 borghi medievali più belli d'Italia, cioè nel club de I borghi più belli d'Italia, un'esclusiva associazione di piccoli centri italiani che si distinguono per grande interesse artistico, culturale e storico, per l'armonia del tessuto urbano, vivibilità e servizi ai cittadini. Tra le chiese di interesse artistico certamente è da sottolineare la Basilica di Maria Assunta in cielo o Duomo con le sue opere d'arte, in particolare quelle del Gagini.



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Torna ai contenuti