Le carte siciliane, dalla cultura araba fino ai giorni nostri

Blog di clicksicilia.com

Benvenuti nel blog di clicksicilia, il posto perfetto per scoprire tutte le informazioni e le curiosità sulla meravigliosa Sicilia. Qui troverete articoli interessanti su luoghi da visitare, tradizioni locali, piatti tipici e molto altro. Siamo appassionati di turismo e desideriamo condividere con voi le nostre esperienze e consigli per rendere il vostro viaggio in Sicilia indimenticabile. Scoprite con noi i tesori nascosti dell'isola, le sue spiagge incantevoli, le città d'arte e i borghi pittoreschi. Siamo qui per accompagnarvi in un viaggio alla scoperta delle meraviglie di questa terra affascinante.
Vai ai contenuti

Le carte siciliane, dalla cultura araba fino ai giorni nostri

Il blog di clicksicilia, informazioni e curiosità per scoprire la Sicilia
Pubblicato in Cultura e Società · 28 Settembre 2022
Tags: cartesiciliane

Le carte siciliane, dalla cultura araba fino ai giorni nostri

Siete in Sicilia, ad ogni qualcuno gioca a carte, neanche i siciliani troppo impegnati a giocare si rendono conto di avere tra le mani un pezzo di storia, minimo risalente alla cultura araba.
Chi vive o ha vissuto in Sicilia, sa che caffè, limoncello, cannolo, un mazzo di carte non possono mancare, si riesce a sentire le voci dei pronuncianti seduti in qualche tavolino, non è una partita, è cultura tradizionale.
Le partite a carte possono definirsi “pubbliche, quando ogni “tavolo” è circondato da decine di persone che osservano lo svolgersi del gioco, aspettando che venga il proprio turno: in piedi o seduti, fermi a fissare un solo punto: il “tavolo” da gioco. Il gioco comincia nel tardo pomeriggio, puntuali come una timbratura al lavoro, per poi tornare a casa e comunicare con una punta d’orgoglio di aver vinto, altro che tablet.
Le teorie concordano su un fatto: esse sono state introdotte, inizialmente in Spagna, dagli Arabi, intorno al XIV secolo, da li sono arrivate sino al Sud Italia, dunque nella terra di Sicilia.
Un mazzo è formato da 40 carte, dieci per ogni seme, ed esse rappresentano una sorta di mescolanza di culture: i semi e le figure sono simili e s’ispirano all’epopea medievale dei Paladini di Francia. L’otto, il nove e il dieci infatti sono rappresentate come la donna, il cavaliere e il re.
Ma non è l’unico elemento arabo che è arrivato sino ai giorni nostri. Basti pensare, infatti, alle figure a cavallo: quel colore grigio, non è inusuale per un equino? La risposta arriva dalla cultura araba: spesso le figure più importanti venivano raffigurate a cavallo di un asino, non simbolo di scherno ma di umiltà spirituale, la stessa con la quale si entrava in pellegrinaggio nella città di Medina, dove è possibile trovare la tomba del Profeta.
Una garibaldina è infine la donna di coppe; seppur rappresentata con una dolcezza di forme tipicamente femminile, la carta originariamente rappresenta un fante: ecco il perché degli abiti mascolini e delle armi alla mano.
Cultura perché una delle componenti più spettacolari del gioco è la “segnata”, che vuole indicare quale carta si possiede, perché nel gioco a coppie vi è l'uso di segnalare il possesso di una determinata carta al proprio compagno, ovviamente va tenuto conto che questi segnali sono comprensibili anche dagli avversari perchè sono codificati e possono quindi volgere a proprio sfavore ma è nelle coppie con grande esperienza di gioco particolarmente affiatate che è prevista la “segnata falsa”, cioè l’indicazione ostentata di una carta che in realtà non si possiede per trarre in inganno gli avversari.
Inutile dire che i gesti devono essere compiuti con la massima rapidità per non farsi scorgere dagli avversari.

Riportiamo solo alcune attribuzioni, quelle più conosciute:
il seme dei denari rappresentazione della borghesia
le coppe testimonianza della dominazione greca sulla Sicilia
le spade di colore verde e non blu, simbolo dei nobili
i bastoni a tronco, emblema del popolo.

Donna di Denari – Amante, rivale in amore e anche dea della fortuna.
Cavallo di Denari – Foriero di notizie o giovane rivale in amore.
Re di Denari – La saggezza.
Donna di Coppe – Altra donna, amica, madre, sorella, figlia.
Cavallo di Coppe – Figlio, amico più giovane, messaggero di una buona notizia in arrivo.
Re di Coppe – Compagno in amore, padre, amico o fratello più grande.
Donna di Bastoni – E’ la carta della bontà, della prudenza e della saggezza. Indica una donna affidabile.
Cavallo di Bastoni – Indica un uomo saggio, di autorità, il fratello maggiore, l’amico, il parente che ci aiuta.
Re di Bastoni – Rappresenta l’onesta, la fedeltà, l’attaccamento alla famiglia e ai valori.
Donna di Spade – Donna nemica, pettegola, una falsa amica.
Cavallo di Spade – Simboleggia qualcosa in arrivo o un giovane irruente.
Re di Spade – Indica una risposta certa. Rappresenta anche l’uomo importante e la giustizia.



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Torna ai contenuti